Fritti più sani con l’olio d’oliva

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/12/2014 Aggiornato il 19/12/2014

Anche se la frittura non è considerata tra le cotture più salutari per la nostra dieta, potremo concedercela se utilizzeremo l’olio d’oliva

Fritti più sani con l’olio d’oliva

Ancora una volta l’olio di oliva vince il primato fra gli oli: è il più sano anche per friggere! È quanto emerge da una ricerca pubblicata sul “Journal of agricultural and food chemistry” dall’American chemical society.

Stabile anche ad alte temperature

Sia in friggitrice sia in padella, infatti,  l’olio di oliva  riesce a mantenere  intatte le sue pregiate caratteristiche nutrizionali, risultando quindi l’olio più indicato per friggere ad alte temperature.

Testati 4 diversi tipi di olio

Pezzi di patata cruda sono stati fritti in quattro diversi oli: oliva, mais, soia e girasole. Quindi, la frittura con gli stessi oli è stata ripetuta per dieci volte. L’olio più stabile per friggere a 160-190° C è risultato quello d’oliva, mentre quello che si degradava più velocemente in padella a 180° C era quello di girasole.

I cibi fritti nell’olio d’oliva sono più sani

Le alte temperature delle fritture possono degradare le proprietà fisiche, chimiche e nutrizionali degli oli fino a portare alla formazione di neo composti tossici. Lo studio ha dimostrato che l’olio d’oliva, rispetto agli altri oli testati, non solo è quello che mantiene la migliore stabilità, ma anche che i cibi in esso fritti risultano essere più sani.

Il punto di fumo degli oli

È la temperatura alla quale l’olio comincia a produrre sostanze tossiche. Gli oli che hanno un punto di fumo più basso sono più sensibili alle alte temperature e quindi si degradano più facilmente. L’olio d’oliva è quello che ha il punto di fumo più alto, a 210° C, quindi per questo è il migliore per friggere. Invece, l’olio di girasole e altri tipi di oli ricchi di acidi grassi omega 3 (grassi che se portati a elevate temperature si degradano più velocement,e sviluppando l’acroleina, una sostanza dannosa per il fegato e lo stomaco) sono da evitare per le fritture.

In breve

QUELLO EXTRAVERGINE È IL PIU’ ADATTO PER IL BEBÈ

Per le sue qualità nutrizionali, l’olio extravergine di oliva è il più adatto per il piccolo. Può essere aggiunto alle prime pappe a crudo fin dall’inizio dello svezzamento.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale: lo faccio al mio bimbo?

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Vaccinare contro l'influenza i bambini piccoli è ora più che mai la scelta giusta: ad affermarlo il Ministero della salute e la Società italiana di pediatria.   »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti