Frutta secca, toccasana per il cuore dei diabetici

Silvia Camarda
A cura di Silvia Camarda
Pubblicato il 17/04/2019 Aggiornato il 17/04/2019

La frutta secca fa bene a chi soffre di diabete: riduce il rischio cardiovascolare, raddoppiato rispetto alle persone sane

Frutta secca, toccasana per il cuore dei diabetici

28 grammi al giorno di frutta secca (per esempio una manciata di noci) proteggono i diabetici da infarto e ictus, difendendoli, almeno in parte, dall’elevato rischio cardiovascolare cui sono esposti (più del doppio). A sostenerlo è un gruppo di epidemiologi e nutrizionisti della Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston che hanno condotto uno studio su pazienti diabetici e lo hanno pubblicato sulla rivista medica Circulation Research.

L’indagine su 16.217 diabetici

Per ciascun individuo i ricercatori hanno studiato la dieta prima e dopo la diagnosi di diabete, con particolare riguardo ai dati inerenti il consumo di frutta secca durante un periodo di diversi anni. Dall’inizio dello studio fino al suo termine sono stati registrati:

  • 3.336 casi di patologia cardiovascolare, inclusi 2.567 infarti e 789 ictus;
  • 5.682 decessi, 1.663 per problemi cardiovascolari e 1.297 per tumore.
I risultati dello studio

Hanno portato principalmente a due conclusioni:

  1. 5 o più porzioni di frutta secca alla settimana diminuiscono il rischio cardiovascolare di un paziente diabetico del 17% rispetto a chi ne consuma meno di una porzione al mese. In più il rischio di infarto  diminuisce del 20%,  quello di morte per cause cardiovascolari del 34% e la mortalità per tutte le cause del 31%.
  2. In tutti coloro che avevano incrementato il consumo di frutta secca dopo la diagnosi di diabete, il rischio cardiovascolare si èa ridotto dell’11%, il rischio infarto del 15%, il rischio morte per cause cardiovascolari del 25% e il rischio morte prematura per qualunque causa del 27%.
100-125 grammi alla settimana

Secondo Francesco Purrello, presidente della Società italiana di diabetologia e ordinario di Medicina Interna all’Università di Catania, questo studio permette di superare quel “preconcetto” per cui la frutta secca non può rientrare nell’alimentazione dei diabetici perché ipercalorica. Noci, mandorle, nocciole e frutta secca in generale, devono, invece, essere consumate “moderatamente” anche da chi soffre di diabete perché ricche di acido oleico, acidi grassi polinsaturi, fibre minerali e vitamine E, tutti nutrienti in grado di ridurre il rischio di patologie cardiovascolari..

 
 
 

Lo sapevi che?

28-30 grammi di noci corrispondono a circa 5 noci.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Nonni che baciano sulla bocca il bambino: che grande sbaglio!

Il bacio sulla bocca è un gesto che appartiene al mondo degli adulti, quindi è sbagliato che i nonni se lo scambino con i nipotini. A maggior ragione se la mamma lo ha vietato.   »

Cosa deve mangiare a un anno di vita?

Le più recenti linee guida suggeriscono che dallo svezzamento in avanti il bambino dovrebbe mangiare gli stessi pasti del resto della famiglia.   »

Senza pannolino quant’è difficile!

Può capitare che i bambini non ancora abbastanza pronti per dire addio al pannolino, se vengono forzati all'uso del vasino inizino a ignorare lo stimolo a evacuare.   »

Fai la tua domanda agli specialisti