Glicemia più bassa con verdure a inizio pasto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/01/2017 Aggiornato il 27/01/2017

Cambiare l’ordine dei cibi a tavola può aiutare a mantenere la glicemia più bassa nel sangue perché agisce sulla produzione di insulina. Ecco perché

Glicemia più bassa con verdure a inizio pasto

Iniziare pranzo e cena con le verdure anziché con la pasta aiuterebbe a mantenere la glicemia più bassa, così come i valori dell’insulina dopo i pasti e, di conseguenza, può favorire il controllo del peso.

Non basta calcolare le calorie

A sostenerlo è il dottor Pier Luigi Rossi, specialista in Scienza dell’Alimentazione, docente universitario e autore del libro  “Conosci il tuo corpo, scegli il tuo cibo” (Aboca 2016). Secondo Rossi la rapida diffusione di sovrappeso e obesità della nostra società dipenderebbe dalla mancata conoscenza del proprio corpo e dal fatto che chi soffre di problemi di peso non misura la glicemia e l’insulina, ma si ferma a calcolare le calorie di ciò che mangia che, in questo quadro complesso, non servirebbe a nulla.

Un modello di dieta più efficace

La dieta molecolare, inventata proprio dal Dottor Rossi, si basa invece sulla conoscenza delle molecole che si ingeriscono e non sul conteggio delle calorie. Secondo questa teoria, gli alimenti sarebbero uguali per tutti prima di essere mangiati, ma una volta ingeriti, “dialogherebbero” differentemente con le cellule e il Dna di ciascuno.  Pertanto Rossi sostiene che la composizione del sangue cambierebbe ogni volta che si mangia, specificando che se si mangia sano la glicemia post pasto resta bassa, il che significa anche  basso livello di insulina, l’ormone prodotto dal pancreas, responsabile di veicolare lo zucchero nelle cellule. È fondamentale, aggiunge lo specialista, consumare ogni giorno poco glucosio e intervenire sul fegato, il vero regista del nostro metabolismo. “Se non si riesce a liberarlo dall’eccesso di grassi – precisa – si determina una condizione di steatosi epatica (fegato grasso). Questo impedisce la diminuzione del peso corporeo e l’eliminazione dell’insulina nel sangue, determinando uno stato di insulino-resistenza, condizione che predispone al diabete”.

Contro obesità e malattie correlate

In Italia il 45% della popolazione è in sovrappeso, il che determina un aumento di malattie cardiovascolari, tumori e disturbi metabolici. Contro il dilagare di questi problemi, la migliore forma di prevenzione è una dieta che preveda 5 pasti al giorno. In particolare:

  • una colazione proteica, con prosciutto e formaggio fresco e spalmabile e pochi carboidrati, diversamente da quella tradizionale che è molto ricca di zuccheri;
  • due spuntini al giorno con un frutto o un centrifugato di verdure
  • due pasti principali con antipasto di verdure fresche finemente tritate. Mangiare prima la pasta, come è nostra abitudine, significa invece far aumentare la glicemia. Devono poi seguire le proteine (formaggi, carne, pesce, uova o legumi) e un po’ di pane. E infine una zuppa, un minestrone o un passato di verdure, che favoriscono l’assorbimento del carotene.

 

 

 

 
 
 

da sapere!

Il carotene è una provitamina contenuta nelle carote e in molti altri vegetali cui conferisce il tipico colore arancio e che viene convertito dall’organismo in vitamina A.  Il carotene, tra le sue preziose qualità, è un potente antiossidante capace di contrastare i radicali liberi e la comparsa di tumori e malattie cardiovascolari.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti