Grassi saturi nella dieta devono essere meno del 10%

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 16/08/2018 Aggiornato il 16/08/2018

Secondo le nuove Linee guide dell’Organizzazione mondiale della sanità, per la salute del cuore è meglio ridurre i grassi saturi nell’alimentazione di tutti i giorni

Grassi saturi nella dieta devono essere meno del 10%

Le nuove Linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) affermano che adulti e bambini dovrebbero avere una dieta in cui le calorie ottenute dai grassi saturi, quelli contenuti per esempio nella carne o nel latte, siano meno del 10%, e meno dell’1% quelle dagli acidi grassi trans, contenuti nei fritti di fast food, alcune merendine e dolci confezionati e margarina.

Obiettivo: ridurre le malattie cardiovascolari

Le malattie non trasmissibili (come il diabete) sono responsabili del 72% del totale dei decessi nel mondo e rappresentano quindi la causa principale di morte. In particolare, fra questi, il 50% è attribuibile alle malattie cardiovascolari. Francesco Branca del dipartimento per la nutrizione dell’Oms ha spiegato che un consumo eccessivo di grassi saturi e trans è una delle cause principali delle malattie cardiovascolari e che ridurne l’assunzione può salvare migliaia di vite. I legami tra acidi grassi, sia saturi sia trans, e malattie cardiovascolari sono ormai dimostrati con un alto livello di evidenza scientifica: questo ha motivato l’adozione delle recenti Linee guida.

Sì ai grassi buoni

Un’altra raccomandazione riguarda la sostituzione dei grassi saturi con quelli polinsaturi, omega 3 e omega 6, più salutari. Secondo l’Oms, circa 1/3 delle malattie cardiovascolari e dei tumori possono essere evitati con un’ alimentazione sana  ed equilibrata. Questa è la prima volta, comunque, che l’Oms pubblica un documento sull’argomento: prima di essere adottato definitivamente, sarà aperto ai commenti degli esperti esterni.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

L’Oms ha lanciato il progetto REPLACE per eliminare gli acidi grassi trans dall’industria alimentare entro il 2023. L’obiettivo: migliorare la salute del futuro.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti