I 10 cibi che allenano il cervello

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/10/2015 Aggiornato il 26/10/2015

Per mantenere viva l’intelligenza cognitiva ed emotiva delle donne “no” ai grassi e alle bevande zuccherine e “sì” a frutta, verdura e agli alimenti ricchi di omega 3, come il pesce

I 10 cibi che allenano il cervello

Proteggere il cervello femminile aiutandosi con il cibo si può! Secondo il medico nutrizionista Pietro Migliaccio, Presidente della Società italiana dell’alimentazione  esisterebbero perfino “10 cibi top” indispensabili per mantenere attivo e in salute il cervello delle donne. Per avere e conservare a lungo buone prestazioni intellettive e mentali, sarebbe fondamentale porre la massima attenzione a tutto ciò che mangiamo.  Esistono, infatti, alcuni alimenti che deteriorano i percorsi neuronali, mentre altri, invece, che favoriscono positivamente l’attività del cervello.

I magnifici 10

Pane, pasta, zucchero, miele, marmellata, carne bianca, pesce azzurro, olio extravergine d’oliva, latte e frutta (fresca e secca) sono gli alimenti che non dovrebbero mai mancare nella dieta di una donna, dall’infanzia alla menopausa.

W la dieta mediterranea

Un’alimentazione equilibrata e leggera, così come prevede la dieta mediterranea, rinforzerebbe il cervello, specialmente quello delle donne non più giovani. Il segreto per mantenere una memoria “di ferro” starebbe nel ridurre il consumo dei grassi, soprattutto quelli animali, e nel potenziare il consumo di frutta e verdura, cereali e legumi.

Quella giusta in base all’età

Migliaccio sostiene che “ogni età ha le sue caratteristiche e i suoi consigli per restare in forma”, aggiungendo però che per alimentare le prestazioni della mente sono essenziali i carboidrati semplici e gli zuccheri semplici, come pane, pasta, zucchero, miele, marmellata.  E ancora non dovrebbero mai mancare a tavola: carne bianca, pesce azzurro, ricco di omega 3, olio extravergine d’oliva, frutta (fresca e secca) e latte, ricco di triptofano, aminoacido che favorisce il sonno e il buonumore.

Durante l’infanzia

Privilegiare l’apporto di latte, yogurt, carne, pesce, uova, formaggi, cereali (pane e pasta), pomodori, peperoni, ortaggi a foglia verde, agrumi, kiwi, fragole, olio extravergine d’oliva.

Da adulte

Il consiglio è di consumare una-due volte alla settimana la carne, fegato una volta alla settimana, pesce, legumi, cereali, olio extravergine d’oliva, verdura come carciofi, cavoli, spinaci, e frutta.

In menopausa

Non far mai mancare latte, yogurt, carne bianca, pesce come salmone, tonno e sgombro, verdura cruda e cotta, olio extravergine d’oliva, cereali, frutta (fresca e secca).

 

 

 
 
 

lo sapevi che? 

La nostra dieta mediterranea è stata riconosciuta a livello scientifico come il miglior modello alimentare esistente.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti