I cibi pronti mettono a rischio cuore e arterie

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 27/08/2019 Aggiornato il 27/08/2019

Due studi pubblicati sul British Medical Journal mettono in guardia dai cibi confezionati come i piatti pronti, ricchi di zuccheri e grassi, poiché aumentano il rischio di eventi cardiovascolari

I cibi pronti mettono a rischio cuore e arterie

Ci sono alimenti, come gli snack e le bevande zuccherate, che sono un concentrato di sali e zuccheri e altri insospettabili ma altrettanto pericolosi: si tratta in ogni caso di cibi pronti, di produzione industriale (prodotti da forno, zuppe di verdure pronte, prodotti a base di carne e pesce). Tutti alimenti che  spesso abbondano di zuccheri, sale e additivi, sostanze che potrebbero aumentare il rischio di eventi cardiovascolari (infarto e ictus). È quanto suggerito da due studi indipendenti pubblicati entrambi sul British Medical Journal.

+ 13% infarto e 11% ictus

Il primo studio, diretto da Mathilde Touvier del gruppo di ricerca ‘Nutritional Epidemiology Research Team, che comprende vari centri di ricerca francesi tra cui l’Inserm, ha coinvolto per 10 anni 105.159 adulti francesi (21% maschi; 79% donne) di età media 43 anni, che hanno completato un questionario alimentare delle 24 ore per misurare il consumo abituale di 3.300 differenti tipologie di cibi come parte dello studio “NutriNet-Santé“. I cibi sono stati raggruppati a seconda del livello di lavorazione industriale (un cibo è considerato tanto più sano e naturale quanto più corta è la lista degli ingredienti di cui è composto, compresi gli additivi). Al termine è emerso che ogni aumento del 10% del consumo di cibi pronti, si associa a un incremento dei rischio cardiovascolare complessivo del 12%, del rischio cuore del 13% e del rischio ictus dell’11%.

Rischi proporzionati al consumo

Il secondo studio, condotto all’Università di Navarra in Spagna, ha messo a confronto i cibi pronti con la mortalità per tutte le cause, e ha coinvolto 19.899 laureati (7.786 maschi; 12.113 femmine) di età media 38 anni. Anche loro hanno compilato un questionario alimentare nell’ambito dello studio Seguimiento Universidad de Navarra (SUN).  I casi di morte sono stati registrati nell’arco di 10 anni di monitoraggio. È emerso che chi consumava 4 porzioni al giorno di cibi pronti aveva un rischio di morire per qualunque causa del 62% più alto di chi ne consumava solo due; il rischio di morte sale di un ulteriore 18% per ogni porzione di cibo industriale in più consumata al giorno.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

I risultati di questi due studi sono coerenti con quelli di precedenti ricerche che avevano messo in relazione il consumo di cibi pronti con un peggior stato di salute.

 

Fonti / Bibliografia

  • Consumption of ultra-processed foods and cancer risk: results from NutriNet-Santé prospective cohort | The BMJObjective To assess the prospective associations between consumption of ultra-processed food and risk of cancer.Design Population based cohort study.Setting and participants 104 980 participants aged at least 18 years (median age 42.8 years) from the French NutriNet-Santé cohort (2009-17). Dietary intakes were collected using repeated 24 hour dietary records, designed to register participants’ usual consumption for 3300 different food items. These were categorised according to their degree of processing by the NOVA classification.Main outcome measures Associations between ultra-processed food intake and risk of overall, breast, prostate, and colorectal cancer assessed by multivariable Cox proportional hazard models adjusted for known risk factors.Results Ultra-processed food intake was associated with higher overall cancer risk (n=2228 cases; hazard ratio for a 10% increment in the proportion of ultra-processed food in the diet 1.12 (95% confidence interval 1.06 to 1.18); P for...
  • The SUN cohort study (Seguimiento University of Navarra) - PubMedThe SUN study and the accompanying case-control study support the benefits of a Mediterranean diet and olive oil against CHD and hypertension.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti