I gusti a tavola dipendono dal Dna

Luce Ranucci A cura di Luce Ranucci Pubblicato il 22/04/2020 Aggiornato il 22/04/2020

Uno studio giapponese rivela che i gusti a tavola, come preferire il tè o il caffè, la carne o il formaggio, le verdure o i legumi, sono insite nel Dna

I gusti a tavola dipendono dal Dna

Uno studio giapponese condotto presso il Riken Center for Integrative Medical Sciences (IMS)   e la Osaka University  pubblicato sulla rivista Nature Human Behavior  rivela che i gusti a tavola dipendono dal Dna.

Il Progetto Biobanca Giapponese

Nell’ambito del Progetto Biobanca Giapponese, lo studio ha coinvolto più di 160mila individui, il cui Dna è stato mappato. Gli individui hanno compilato questionari su stili di vita e preferenze alimentari e gli scienziati hanno ‘incrociato’ le informazioni raccolte attraverso i questionari con i dati genetici di ciascuno. Così hanno scoperto ben nove geni associati alla preferenza per il caffè, per il tè, per lo yogurt, il formaggio, la soia, il tofu, il pesce, le verdure e la carne.

Un gusto tira l’altro

È provato che la preferenza o dipendenza per gli alcolici si possa collegare alla preferenza per tutti i cibi dal gusto amaro. Molte delle varianti genetiche (mutazioni) associate al consumo di un certo cibo o bevanda si associano anche al consumo di altri cibi. Altri geni si ritrovano solitamente più spesso nel Dna di quelli che amano sia lo yogurt sia il formaggio (quindi definiscono la preferenza per i latticini, e altri ancora nel Dna di coloro che amano la carne e il pesce.

Conseguenze sulla salute

Spiegano gli scienziati giapponesi che i geni corrispondono alle preferenze di gusto per certi sapori. Infine, gli esperti hanno visto addirittura che le basi genetiche per certe preferenze a tavola si associano anche al rischio di sviluppare alcune malattie, come per esempio il diabete.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Lo studioso che ha realizzato la ricerca, Yukinori Okada  ha ricordato: “Sappiamo di essere ciò che mangiamo, ma il nostro studio ha scoperto che quel che siamo (il nostro Dna) definisce ciò che mangiamo”. 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti