Il benessere comincia dai colori della frutta e verdura

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/08/2014 Aggiornato il 27/08/2014

Le più recenti acquisizioni nel campo della nutrizione hanno confermato la presenza di fattori protettivi nella frutta e verdura legati al colore

Il benessere comincia dai colori della frutta e verdura

È ormai risaputo che il consumo di alimenti di origine vegetale, associato a uno stile di vita corretto, rappresenta la formula migliore per mantenere il benessere fisico e per prevenire molte delle più comuni patologie. A confermarlo, la recente teoria d’oltreoceano del “five a day” con cui si invita l’assunzione di cinque porzioni al giorno di frutta e verdura, preferibilmente di diverso colore, non solo perché il caleidoscopio di colori ci “alletta” la vista a tavola, ma soprattutto perché i colori indicano la presenza di sostanze preziose con azione protettiva sul nostro organismo.

Il significato dei “colori della salute”

Diversi studi hanno documentato che i benefici della frutta e della verdura non derivano solo dal contenuto di acqua, vitamine e sali minerali, reperibili anche in altri alimenti, ma anche dalla fibra e da alcuni composti di origine vegetale, i “phytochemicals”, prodotti dalle piante per difendersi dagli attacchi parassitari, gli stessi che forniscono quei colori vivaci e invitanti all’ortofrutta.

Gli abbinamenti giusti

L’ideale, ci rammentano gli esperti in materia, è di accostare frutta e verdura di diversi colori nella nostra dieta quotidiana. Per i più piccoli, ciò permette di comporre piatti divertenti e più facilmente apprezzati anche dai bambini che spesso faticano a consumare questi alimenti! Per meglio comprendere l’importanza dei colori, la dottoressa Ester Giaquinto, membro del Comitato Scientifico Acqua Panna e Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione, ci spiega quali elementi caratterizzano i diversi colori presenti nei vegetali.

Il verde

Deriva dalla presenza di clorofilla, preziosa per la sua importante funzione antianemica e tonificante del cuore.

Il bianco

È legato a un alto contenuto di vitamina C che si trova in frutti come banana, mela e pera, uva bianca o in verdure come cetrioli, cipolla, cavolfiore e finocchi.

Il rosso

È associato all’alto contenuto di un pigmento dal forte potere antiossidante, il licopene, utile per difenderci dai danni dei radicali liberi. Si trova nei pomodori e nell’anguria.

Il giallo-arancio

Deriva dal betacarotene, pigmento trasformato dal nostro organismo in vitamina A, che interviene nella visione. Ne sono ricchi albicocche, melone e carote.

Il viola

È legato agli antociani, pigmenti che hanno la proprietà di rinforzare e rendere più elastiche le pareti dei capillari e sono, quindi, alleati di una migliore circolazione sanguigna e preziosi per favorire la prevenzione delle patologie cardiovascolari. Si trovano nei mirtilli, nell’uva rossa, nelle ciliegie e nelle melanzane.

Il giallo

È tipico della presenza di luteina e zeaxantina, sostanze ad azione antiossidante che sembrano efficaci anche per proteggere l’occhio da alcune malattie degenerative. Ne sono ricchi il mais e alcune varietà di zucchine.

In breve

LA SALUTE NEL PIATTO

Alimentarsi ogni giorno nelle giuste proporzioni e con il maggior numero di colori di frutta e verdura fin dalla più tenera età, ci aiuta a vivere in salute e a prevenire molte malattie.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Qual è stato il rapporto sessuale che ha portato al concepimento?

10/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stabilire il giorno esatto del concepimento, in caso di più rapporti sessuali nello stesso mese, è davvero molto difficile in quanto il periodo ovulatorio è influenzato da più variabili.   »

Fai la tua domanda agli specialisti