Il cibo spazzatura fa perdere la memoria, ma non i chili

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 08/04/2020 Aggiornato il 08/04/2020

Il cibo spazzatura può portare a “menomazioni” cognitive che influenzano l’appetito e promuovono l’eccesso di cibo

Il cibo spazzatura fa perdere la memoria, ma non i chili

Il cibo spazzatura o “junk food”, così come lo chiamano gli inglesi, fa male alla memoria. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori della Macquarie University di Sidney a seguito di uno studio pubblicato sulla rivista Royal Society Open Science.

Lo studio su 20 ragazzi volontari

Al campione sono stati somministrati pasti ricchi di zuccheri e grassi per una settimana. Dopo i 7 giorni, in tutti i ragazzi sono stati riscontrati:

un peggioramento nei test incentrati sulla memoria;

una dipendenza al cibo spazzatura.

Problema più psicologico che chimico

Ne è convinto Richard Stevenson, professore di psicologia, che ha presentato uno studio condotto su 110 studenti magri e sani di età compresa tra 20 e 23 anni che seguivano inizialmente una dieta equilibrata. Poi sono stati suddivisi in due gruppi: il primo ha continuato la dieta sana, il secondo ha iniziato a mangiare per una settimana fast food. Il risultato è stato che: “dopo una settimana di dieta occidentale, cibi appetibili, come snack e cioccolato, diventano più desiderabili anche quando si è sazi. Questo rende più difficile resistere, portando a mangiare di più, il che a sua volta genera più danni all’ippocampo e un circolo vizioso da eccesso di cibo”.

Con cibo spazzatura danni all’ippocampo

A questo risultato ci era già arrivato uno studio del 2017 condotto però sugli animali, secondo cui il cibo spazzatura farebbe male all’ippocampo, una regione del cervello coinvolta nei processi legati alla memoria e al controllo dell’appetito.

Appetito e memoria sarebbero quindi collegati, perché in presenza di sazietà l’ippocampo blocca i ricordi piacevoli legati al cibo, che così diventa meno desiderabile. Se però l’ippocampo non funziona, i ricordi legati a sapori, odori, esperienze culinarie passate, ritorneranno, provocando sensazione di fame, anche quando l’organismo non ne avrebbe bisogno.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

È noto come una dieta squilibrata possa portare a obesità e diabete. Meno noto è, invece, che queste patologie sono state entrambe collegate anche al calo delle prestazioni cerebrali e al rischio di sviluppare demenza.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti