In forma dopo il parto (e non solo): attenta a questi cibi!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/07/2013 Aggiornato il 16/07/2013

Per tornare in forma dopo (e non solo) non esistono cibi “proibiti” o “colpevoli”, ma solo quantità ridotte e alternative di quello stesso alimento, alcuni alimenti però proprio non aiutano la linea

In forma dopo il parto (e non solo): attenta a questi cibi!

Spesso con le vacanze cala lo stress e sale l’ago della bilancia. Colpevole il fatto che tendiamo a scegliere alcuni piatti o snack invitanti, ma insidiosi per la linea. E se vogliamo tornare in forma dopo il parto (e non solo!) l’impresa sembra impossibile. Ecco gli alimenti più a rischio.

Snack grassi

Per mantenere un corretto equilibrio tra i nutrienti è meglio non consumarne troppi, soprattutto se si vuole tornare in forma dopo il parto. Se scegliete prodotti confezionati,

l

eggete le etichette che oggi sono piuttosto dettagliate. Potrete scoprire notevoli differenze: un pacchetto di patatine contiene ben 12 g di grassi a fronte di 150 kcal. A parità di calorie, 6 cracker non hanno più di 3.5 g di grassi!

Fuori pasto

Spesso si pensa erroneamente che basta concedersi un fuori pasto salato, al posto di quello dolce per farla franca con l’eccesso di calorie e tornare presto in forma dopo il parto.  Cibi salati, invece, sono spesso ricchi di grassi, come le olive, (27%), i wurstel (24%), i salumi (oltre il 30%). Trenta grammi di una merendina tipo pan di spagna forniscono  120 kcal. Se proprio c’è bisogno di uno spezzafame, meglio una spremuta o una fetta di ananas.

Bombe caloriche

Una sola brioche fa immagazzinare 560 kcal, poco meno di un terzo di quante ne servono per tutta la giornata. Non solo: ci vogliono 5 ore per digerirla perché è composta da zuccheri e grassi saturi. Ma croissant a parte, tutti i dolci sono un attentato alla linea. Una barretta di cocco ricoperta di cioccolato contiene 472 kcal; 100 di cioccolato bianco con o senza mandorle 545 kcal. Tra i dolci meno calorici figurano la torta margherita e la crostata con circa 350 kcal/etto. Se proprio non riuscite a rinunciarvi, preferite quelli ricchi di albume, nutrienti dal punto di vista proteico, ma poveri di grassi. Oppure quelli alla frutta. Infatti, per soddisfare la voglia di dolce, senza appesantirvi, la frutta è sicuramente la scelta migliore. Per esempio, potete frullarla con latte scremato e yogurt magro,  poi lasciarla solidificare in freezer per qualche ora: otterrete un semifreddo goloso e povero di calorie.

Gelato

Difficile rinunciarvi, soprattutto d’estate. Ma anziché scegliere quelli alla crema (circa 230-250 kcal), preferite quelli alla frutta con 150 kcal o allo yogurt con 130 kcal. Meglio ancora i sorbetti (95 kcal)!

Fast food

Un pasto veloce, ideale per chi vuole subito tornare in spiaggia deve essere anche sano. Bocciati dunque i pasti consumati nei fast food:  metà delle calorie provengono dai grassi, che comportano una digestione lunga che dà pesantezza. In compenso, una volta raggiunto l’intestino, i grassi vengono assorbiti velocemente per mancanza di fibre. Risultato: intestino, fegato e pancreas compiono uno sforzo doppio rispetto a quello imposto da un pasto leggero, ma completo.

Fritti

Sono sempre sconsigliati, perché la frittura comporta un assorbimento di grassi che inciderà sulle calorie, ma ancora di più sulla digeribilità dell’alimento e sulla quota giornalmente “accettabile” di grassi.

Bevande

Spesso non se ne tiene conto, ma le bevande dolci e quelle alcoliche incidono molto sull’apporto energetico giornaliero: attenzione allo zucchero per addolcire il caffè o il tè (20 kcal per cucchiaino), al vino (95 kcal per bicchiere), alle bibite tipo aranciata, cola, acqua tonica e simili (125 kcal per lattina) e alle bevande a base di frutta che, seppure non zuccherate, raggiungono 40 kcal/100 ml, perché contengono gli zuccheri derivati dalla frutta.

In breve

2 REGOLE PER VIVERE IN SALUTE

1. Ricorda il modello della piramide alimentare, dove nessun cibo è vietato, ma è fondamentale la varietà della dieta, la frequenza di consumo raccomandata per ciascun gruppo e le porzioni moderate.
2. Pratica regolarmente 30 minuti al giorno di attività fisica.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti