Ingrassare dopo la dieta? Non succederà più grazie a un farmaco

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 28/08/2019 Aggiornato il 28/08/2019

Un farmaco ancora sperimentale potrebbe aiutare a non riprendere i chili persi con la dieta. Ecco come funziona

Ingrassare dopo la dieta? Non succederà più grazie a un farmaco

Dopo tanti sforzi finalmente l’agognato traguardo: l’ago della bilancia è sceso e i pantaloni si allacciano di nuovo. Ma per quanto? Chiunque abbia avuto a che fare con chili in più e la voglia di dimenticarli, sa quanto sia frustrante ingrassare dopo la dieta. Del resto riprendere i chili in eccesso è il problema principale di qualsiasi dieta. E non ci sono restrizioni che tengano: spesso basta ricominciare a introdurre qualche cibo extra perché l’ago della bilancia torni subito a salire.

Il farmaco salva-dieta

Un gruppo di ricercatori americani, impegnati da tempo su questo fronte, pare abbiano trovato un modo per evitare di ingrassare dopo la dieta. In un lavoro pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, esperti della Mayo Clinic di Rochester hanno dimostrato che bloccando la grelina, il cosiddetto ormone della fame, con una sostanza ad hoc è possibile evitare di riprendere peso a lungo termine dopo una dieta. Lo studio è stato condotto su animali e se i risultati fossero replicati anche sui pazienti sarebbe un vero passo avanti nella gestione dell’obesità e delle malattie correlate.

Il ruolo della grelina

Dopo una perdita di peso importante il problema principale rimane infatti sempre quello di non ingrassare dopo la dieta; purtroppo avviene di frequente, per effetto boomerang, che il corpo cominci a produrre troppa grelina, rendendo il cibo irresistibile e la fame irrefrenabile. Gli esperti hanno messo a punto così un metodo per ”zittire” l’ormone della fame, iniettando una sostanza inibitrice chiamata butirilcolinesterasi. Su topi ex-obesi, gli esperti hanno visto che una sola iniezione di questo farmaco ancora sperimentale mantiene il peso corporeo degli animali per il resto della vita proteggendoli dal rischio di ingrassare nuovamente.

Diabete e malattie correlate sotto controllo

La scoperta non ha solo una valenza di tipo estetico; non ingrassare dopo la dieta significa infatti preservare la salute tenendo sotto controllo malattie legate ad un eccesso di chili come il diabete e altre disfunzioni metaboliche.

 

 

 
 
 

Da sapere!

In attesa che il farmaco venga approvato per l’utilizzo umano, per mantenere stabile il peso valgono i tradizionali consigli. Primo fra tutti quello di non esagerare mai a tavola con cibi particolarmente ricchi di grassi, zuccheri e calorie come i dolci, gli intingoli, le salse e i fritti. Largo invece a verdure, frutta e cibi integrali, dalla pasta al pane, dal riso ai cereali per la colazione. Anche il movimento regolare deve rientrare nella strategia per evitare che l’ago della bilancia torni a salire dopo una dieta.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti