Integratori: attenzione a quelli venduti online

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 26/08/2015 Aggiornato il 01/09/2015

Sempre più persone comprano gli integratori online. Ma occorre fare attenzione: molti di questi prodotti sono contraffatti e causano problemi seri. Ecco quali

Integratori: attenzione a quelli venduti online

Gli italiani sembrano non voler rinunciare agli integratori alimentari. Questo settore, infatti, sta facendo segnare continue percentuali di crescita, nonostante la crisi. In particolare, è boom per quanto riguarda il mercato online, quello più pericoloso. Infatti, nasconde parecchie insidie.

Gli ultimi dati

Gli integratori alimentari, come dice la definizione stessa, sono prodotti che servono a integrare un’alimentazione non corretta, ossia un’alimentazione che non apporta quegli elementi essenziali indispensabili all’organismo per funzionare al meglio. Secondo l’Osservatorio PoolPharma Research, il mercato degli integratori è in costante crescita, con un trend del +7,3%. I dati 2015 di IMS Health Italia rivelano che ogni anno ne sono vendute più di 170 milioni di confezioni. I più gettonati? Gli integratori multivitaminici: l’ultima rivelazione di Eurisko-Federsalus rivela che il loro utilizzo negli ultimi 15 anni è raddoppiato e che oggi ne fanno uso ben 8 italiani su 10. Tra questi i preferiti sono gli energetici, i prodotti che aiutano a perdere peso e quelli per mantenere sotto controllo il colesterolo.

Quali pericoli

Almeno 1 persona su 10 acquista questi prodotti online. Secondo l’Osservatorio PoolPharma Research, l’acquisto in rete di integratori nel 2015 è aumentato del 20%. Il problema è che i prodotti venduti in internet non sono sempre sicuri. Il pericolo principale è rappresentato dalla contraffazione, un’azione illegale che consiste nello spacciare un prodotto di qualità inferiore per uno di qualità superiore. Esistono vari tipi di contraffazione, alcuni dei quali hanno implicazioni sul piano igienico-sanitario e, dunque, possono compromettere la salute dei consumatori, mentre altri che hanno conseguenze soprattutto a livello economico e di immagine degli integratori e/o dei marchi. In alcuni casi queste sofisticazioni possono anche non dare problemi, mentre in altri causare disturbi gastroenterici, come nausea, vomito, diarrea, malessere generale. Nelle situazioni più serie, possono provocare un’intossicazione acuta, che richiede un ricovero immediato.

Meglio in farmacia

Il canale di vendita più sicuro rimane la farmacia, che rappresenta una garanzia per i consumatori. La rete, invece, è pericolosa. “Bisogna fare attenzione al tipo di integratore che si va ad acquistare online. È necessario che il prodotto sia qualificato e che alle spalle ci sia un’azienda produttrice certificata dal ministero della Salute. Esistono, infatti, sostanze che non si possono utilizzare negli integratori, e purtroppo online si possono trovare, anche per importazione parallela, prodotti che contengono sostanze dopanti. Quindi, porre attenzione alla lettura, da parte del consumatore, dell’etichetta, in modo da garantire una sicurezza all’utilizzo” commenta Camilla Pizzoni, Responsabile divisione Ricerca e sviluppo di PoolPharma.

 

 

 

In breve

UN AIUTO DALLE APP

 In merito agli integratori alimentari esistono ancora oggi tanti dubbi e falsi miti. Proprio per aiutare i consumatori a conoscere questi prodotti e a utilizzarli consapevolmente, l’Unione Nazionale Consumatori, in collaborazione con l’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari, ha realizzato l’App “Integratori”.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti