Intolleranze alimentari in aumento: moda o realtà?

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 25/02/2019 Aggiornato il 25/02/2019

Sono ancora molte le persone con intolleranze alimentari che scelgono la via dell’auto-diagnosi senza rivolgersi al proprio medico. Questo però può portare a falsi positivi

Intolleranze alimentari in aumento: moda o realtà?

Le intolleranze alimentari stanno aumentando in Italia e con esse anche le auto-diagnosi e le diete fai da te. Da un sondaggio su 10.000 persone è emerso che circa il 20% sarebbe intollerante, chi al lattosio (per il 15%), chi al glutine (per il 5%). Più della metà delle persone intervistate si è rivolto al medico per una visita approfondita, il 36% si è basato sull’auto-diagnosi e il 10% ha eseguito dei test.

L’impatto sulla qualità della vita

Alcune persone considerano le intolleranze alimentari come qualcosa di negativo, altri addirittura le incolpano di stravolgere la propria vita, mentre per la maggior parte delle persone questa condizione non comporta alcun tipo di problema anche se molti riscontrano difficoltà con i pasti fuori casa. Sarebbero soprattutto i celiaci e gli intolleranti al lattosio a evitare di uscire a pranzo o a cena per via delle proprie esigenze alimentari. Del resto, 8 intolleranti su 10 fanno la spesa al supermercato, alcuni nei negozi specializzati, altri nelle farmacie.

Gluten free in aumento

Il mercato dei prodotti gluten free è in costante aumento non solo tra le persone con intolleranze alimentari ma anche tra chi desidera seguire una dieta fai da te per dimagrire.  Quasi la metà degli intervistati ammette di farne uso per una dieta più leggera, il 20% crede che questi prodotti facciano bene alla salute e abbassino i livelli di colesterolo, mentre 1 su 3 li compra perché pensa che siano più digeribili. Da questi risultati emerge quindi una scarsa informazione sulle intolleranze alimentari. Una maggiore informazione sarebbe utile per migliorare la qualità della vita degli intolleranti veri e indirizzare coloro che hanno problemi di digestione verso soluzioni più corrette.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Le intolleranze causano prevalentemente disturbi gastrointestinali (gonfiore, flatulenza, stipsi, diarrea, iperacidità, gastrite). Non vanno confuse con le allergie alimentari.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale: lo faccio al mio bimbo?

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Vaccinare contro l'influenza i bambini piccoli è ora più che mai la scelta giusta: ad affermarlo il Ministero della salute e la Società italiana di pediatria.   »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti