Ipertensione giù con i mirtilli

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 18/04/2019 Aggiornato il 18/04/2019

Si può ridurre l’ipertensione e mantenere più efficienti i vasi sanguigni con 200 g di mirtilli al giorno. Merito delle antocianine, antiossidanti

Ipertensione giù con i mirtilli

Per ridurre l’ ipertensione possiamo farci aiutare anche dai mirtilli! Secondo un recente studio inglese, pubblicato sull’autorevole rivista Journal of Gerontology Series A, infatti, bastano 200 g al giorno di mirtilli per migliorare il funzionamento dei vasi sanguigni e ridurre la pressione arteriosa.

L’esperimento per un mese

Il campione individuato dai ricercatori del King’s College London era costituito da 40 soggetti sani che per un mese intero hanno bevuto una bevanda con 200 g di mirtilli e sottoposti a diversi controlli clinici come:

  • analisi del sangue e delle urine:
  • misurazione della pressione arteriosa e della dilatazione flusso-mediata dell’arteria brachiale, una misura dell’estensione dell’arteria quando il flusso sanguigno aumenta, considerata un biomarcatore sensibile al rischio di malattia cardiovascolare.

Infine, i ricercatori hanno confrontato gli effetti dell’assunzione della bevanda di mirtilli con quelli della somministrazione di antocianine purificate e con quelli di altre bevande contenenti lo stesso livello di fibre o la stessa quantità di minerali e vitamine dei mirtilli.

Risultati positivi con i mirtilli

Gli effetti sono stati positivi in entrambi i casi. In particolare si è osservata:

  • una riduzione della pressione sanguigna sistolica (meno 5 mmHg);
  • un miglioramento della funzione endoteliale, cioè del rivestimento interno dei vasi sanguigni e linfatici.

Al contrario, l’assunzione delle altre bevande alternative ai mirtilli e con livelli di sostanze e nutrienti simili ai frutti di bosco “blu”) non ha dato gli stessi risultati benefici.

Merito delle antocianine

Gli effetti positivi contro l’ ipertensione, concludono i ricercatori, derivano dagli antiossidanti dei mirtilli – le antocianine – responsabili del tipico colore blu scuro del frutto. Appartengono al gruppo dei flavonoidi, sostanze che danno il colore rosso o blu o viola a frutti e verdure come i frutti di bosco, l’uva e il cavolo rosso. Svolgono l’importantissima funzione antiossidante, combattendo i radicali liberi e i prodotti del metabolismo cellulare.

 

 

Da sapere!

Il maggior effetto positivo si ottiene mangiando direttamente i mirtilli interi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti