Junk food? Per il corpo peggio di un’infezione

Silvia Camarda
A cura di Silvia Camarda
Pubblicato il 05/03/2018 Aggiornato il 05/08/2018

Il nostro sistema immunitario vede il cibo del junk food come un’infezione batterica, contro la quale scatenare le sue armi. Nel tempo l'infiammazione diventa permanente

Junk food? Per il corpo peggio di un’infezione

Bocciato ancora una volta il junk food, cioè il cibo poco sano. Questa volta da un gruppo di ricercatori dell’Università di Bonn che ha scoperto che questo tipo di cibo, tipico dei fast food, verrebbe riconosciuto dal nostro sistema immunitario come un’infezione batterica, contro la quale scatenare tutte le sue armi. Non solo: a lungo termine, una dieta ricca di grassi e calorie porterebbe il sistema immunitario a essere molto più aggressivo con il proprio corpo, al punto tale che nemmeno il ritorno a una sana alimentazione sarebbe in grado di riportare il sistema immunitario a come era prima dell’incontro con il junk food. Senza contare, comunque, che il fast food crea dipendenza.

Rischio di aterosclerosi e diabete

I cambiamenti del sistema immunitario potrebbero nel tempo essere coinvolti nello sviluppo di aterosclerosi e diabete. L’esperimento che ha portato a questo risultato è stato effettuato su un campione di topi, somministrando loro per un mese un’alimentazione ricca di grassi, zuccheri e poche fibre. I topi sviluppavano una forte risposta infiammatoria in tutto il corpo, quasi come dopo un’infezione da batteri pericolosi. In seguito i ricercatori avevano offerto agli animali una dieta a base di cereali per un altro mese. Con questo tipo di alimentazione l’infiammazione acuta era scomparsa. Tuttavia, anche dopo che era trascorso del tempo, molti geni che erano stati attivati durante la fase in cui i roditori erano stati nutriti con cibo poco sano erano ancora attivi.

Il “sensore fast food”

Nelle cellule immunitarie, gli scienziati hanno scoperto una sorta di “sensore del fast food”, che riconosce il cibo “non sano” come pericoloso. Inoltre, dall’analisi di 120 campioni di sangue, sarebbero emerse prove genetiche del coinvolgimento dell’inflammasoma NLRP3. Gli inflammasomi sono importanti complessi di segnalazione intracellulare che riconoscono agenti infettivi e altre sostanze nocive. Come NLRP3 possa riconoscere l’esposizione del corpo al cibo del fast food è, però, ancora da scoprire.

 

 

DA SAPERE

MEMORIA IMMUNITARIA

Il sistema immunitario ha una memoria innata, per cui dopo un’infezione le difese del corpo rimangono in una situazione di “preallarme” che gli permette di rispondere più velocemente in caso di un nuovo contatto. Sembra che lo stesso capiti quando si mangia junk food.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Lavaggi nasali: servono davvero?
23/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I lavaggi nasali rivestono grande utilità non già per uccidere il virus del raffreddore, ma per facilitare la pulizia del naso e favorire la fluidificazione, quindi, l'eliminazione del muco.   »

Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fai la tua domanda agli specialisti