La dieta giapponese fa concorrenza alla nostra dieta mediterranea

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 02/12/2019 Aggiornato il 02/12/2019

Dieta giapponese o dieta mediterranea? Entrambe sono salutari ma quella giapponese assicura un’aspettativa di vita più alta. Ecco perché

La dieta giapponese fa concorrenza alla nostra dieta mediterranea

È noto che l’alimentazione contribuisca fortemente a mantenere un buono stato di salute. Concetto confermato anche nel recente incontro romano “Dieta giapponese e prevenzione oncologica” che a tal riguardo ha dichiarato che la dieta del “Sol Levante” può essere considerata una valida alternativa alla nostra dieta mediterranea perché in grado di ridurre anch’essa il rischio di molte malattie.

La salute a tavola

Entrambi regimi alimentari prevengono diverse patologie, ma con tassi di riduzione del rischio leggermente diversi:

per l’aspettativa di vita: 79 anni la dieta mediterranea, 85 anni quella giapponese;
per l’ictus: 25% la dieta mediterranea, 22% quella giapponese;
per i tumori: 35% la dieta mediterranea, 27% quella giapponese;
per il morbo di Parkinson: 46% la dieta mediterranea, 50% quella giapponese.

Contro il tumore alla prostata

A sostenerlo è un team di ricercatori del Children’s Hospital Medical Center di Cincinnati che ha pubblicato uno studio sulla rivista scientifica Biology and Reproduction. In primis perché l’alimentazione del “Sol Levante” ricca di soia stimolerebbe l’intestino a produrre una molecola, detta Equol, che a sua volta bloccherebbe l’azione di Dht, ormone maschile collegato all’ipertrofia prostatica e al tumore.  Ma il ruolo preventivo della dieta del “Sol Levante” dipendere anche da altri fattori come:

1.     alto consumo di cibi caratterizzati da estrogeni deboli come tofu e germogli di soia, che se assunti fin dall’infanzia, producono un’azione protettiva sul tumore della prostata;

2.     possedere pochi grassi saturi, elementi dannosi perché innalzano i livelli del colesterolo che, se alterati, aumentano il rischio di incorrere in patologie cardiovascolari.

Non a caso il tumore alla prostata ha un’incidenza maggiore nei Paesi Occidentali (per esempio in Usa è del 40%), rispetto al Giappone, dove la percentuale è del 10%.

 

 

Da sapere!

I fitoestrogeni, estrogeni di origine vegetale con struttura chimica e funzione simile a quella degli estrogeni di origine animale, si trovano nella soia, nei cereali, nelle noci, nelle leguminose e nelle crucifere.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti