La dieta mediterranea fa bene… soprattutto a chi ha i soldi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/09/2017 Aggiornato il 26/09/2017

I benefici che la dieta mediterranea procura all'organismo valgono soprattutto per le persone più istruite e con maggiore disponibilità economica. Ecco perché

La dieta mediterranea fa bene… soprattutto a chi ha i soldi

Olio extravergine di oliva utilizzato soprattutto a crudo e tanta frutta e verdura, meglio se di stagione. Pasta e pane, sì ma integrali e senza esagerare con le porzioni. Pesce – più di quanto attualmente se ne consumi – carni bianche e, di tanto in tanto, carne rossa. Senza disdegnare uova e latticini: i benefici della dieta mediterranea, soprattutto per la salute cardiovascolare, sono riconosciuti dalla letteratura scientifica ormai da diversi anni. Eppure uno studio tutto italiano mette per la prima volta in evidenza un’amara verità: i benefici che questo tipo di alimentazione procura all’organismo valgono soprattutto per le persone più istruite e abbienti, e non per chi vive in condizioni socioeconomiche meno vantaggiose.

Lo Status socioeconomico fa la differenza

Il nuovo studio, infatti, da un lato conferma la capacità della dieta mediterranea di ridurre il rischio di malattie cardiache, ma dall’altro rivela che questi benefici sono fortemente influenzati dalla posizione socioeconomica. ” Il nostro studio ha rilevato per la prima volta – spiega Marialaura Bonaccio, primo autore della ricerca – che lo status socioeconomico è in grado di modulare questi vantaggi per la salute. In altre parole, è improbabile che una persona con un basso livello socioeconomico che si sforza di seguire un modello alimentare mediterraneo abbia gli stessi benefici di una persona con reddito più elevato, nonostante entrambi aderiscano in maniera simile alla stessa dieta sana”.

Lo studio su 18.000 persone

Il lavoro condotto da un gruppo di ricercatori dell’Istituto neurologico mediterraneo Neuromed e pubblicato sulla rivista scientifica International Journal of Epidemiology ha visto coinvolte oltre 18mila persone reclutate all’interno dello studio ‘Moli-sani’, un progetto partito nel marzo 2005 che ha trasformato la regione Molise in un laboratorio a cielo aperto coinvolgendo circa 25mila abitanti, con l’obiettivo di rilevare fattori genetici e ambientali correlati a patologie come tumori e malattie cardiovascolari e degenerative.

L’importanza dell’alta qualità

Ma come è possibile che accada tutto ciò? Prendiamo per esempio il consumo di olio extravergine di oliva: “Studi sull’adesione alla dieta mediterranea – spiega Licia Iacoviello, responsabile del Laboratorio di Epidemiologia nutrizionale e molecolare dell’Irccs di Pozzilli (Isernia) e uno degli autori dello studio – possono solo certificare se una persona effettivamente consumi olio extravergine di oliva. Ovviamente, però, sulla base delle possibilità economiche si può comprare un prodotto di maggiore o minore qualità e si potrebbero riscontrare differenze nel contenuto di polifenoli che esso garantisce, tali da dare conseguenze diverse in termini di salute”. Un altro esempio? “In questi studi un certo punteggio viene assegnato a chi consuma in generale frutta e verdura, ma abbiamo constatato che chi ha maggiore capacità d’acquisto può anche variare di più e quindi ottenere benefici maggiori”.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Nel novembre 2010 la Dieta Mediterranea è stata riconosciuta “Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità” dall’ UNESCO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti