La dieta semivegetariana fa bene alla salute

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/04/2015 Aggiornato il 24/04/2015

Un ulteriore riconoscimento scientifico agli alimenti di origine vegetale rispetto a quelli di origine animale: se presenti per almeno due terzi nella dieta quotidiana ridurrebbero la mortalità cardiovascolare

La dieta semivegetariana fa bene alla salute

Ridurre il rischio di sviluppare patologie cardiovascolari si può! Basta seguire una dieta semivegetariana, cioè con almeno il 70% del cibo di origine vegetale. Questo permetterebbe di ridurre del 20% il rischio di morire a causa di malattie cardiache, rispetto a chi si alimenta con meno del 45% di cibi derivanti da fonti vegetali. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori dell’Imperial College London che ha condotto un lungo studio presentato recentemente al congresso annuale dell’American Heart Association EPI/Lifestyle a Baltimora.

Analizzato mezzo milione di europei

Sono stati valutati il tipo di dieta, lo stile di vita, le abitudine alimentari ed il peso di oltre 450mila europei che hanno preso parte al progetto EPIC, iniziato nel 1992.  Il campione testato prevedeva ambo i sessi e nessuno affetto da malattie a lungo termine all’inizio dell’analisi. I risultati emersi a fine studio sono stati che una dieta semivegetariana potrebbe:

  • aiutare a prevenire patologie cardiovascolari come ictus e infarto.
  • allungare la vita delle persone.

Senza dover sostenere la teoria vegana, sarebbe quindi già un buon risultato, nell’ottica della prevenzione delle malattie cardiache, ridurre il consumo di carne per sostituirla con alimenti di origine vegetale.

Vince il modello di dieta mediterranea

Gli esiti dello studio richiamano, in fondo, il modello nutrizionale della dieta mediterranea che prevede un alto consumo di frutta, verdura, cereali integrali, legumi, frutta secca e olio extravergine d’oliva e un moderato consumo di alimenti di origine animale come carne bianca, pesce, latte e derivati, uova e pochissima carne rossa. Un sano modello alimentare riconosciuto dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità per i suoi numerosi effetti benefici sulla salute.

 

 

 

 

In breve

GUARDA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Una sana alimentazione si ispira ai principi della dieta mediterannea, ben rappresentata dalla piramide alimentare.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti