La dieta varia allunga la vita!

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 12/01/2022 Aggiornato il 12/01/2022

Il segreto dell'elisir di lunga vita sta nel seguire una dieta variegata. La conferma scientifica è contenuta nei risultati di un recente studio

La dieta varia allunga la vita!

EPIC, un recente studio multidisciplinare pubblicato sulla rivista scientifica PLOS Medicine, ha dimostrato che la varietà alimentare è alla base della longevità. Per i ricercatori, infatti, “la diversità nell’alimentazione è un valore da preservare perché ha il potenziale intrinseco di ridurre la mortalità e migliorare la resilienza del sistema Terra”. Insomma, la dieta varia allunga la vita!

I numeri della ricerca

Nel corso dello studio EPIC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition) sono stati testati 451.390 dal 1992 al 2014 (follow up mediano: 17 anni). Nessun individuo era malato di cancro, diabete, aveva subito infarto o ictus. Sono state prese in esame:

  • le associazioni tra ricchezza di specie alimentari e successiva mortalità, valutate con modelli di regressione dei rischi proporzionali di Cox  aggiustati per più variabili.
  • le abitudini alimentari, valutate con questionari dietetici specifici per Paese;
  • la ricchezza dietetica annuale individuale, calcolata in base al numero assoluto di specie biologiche uniche in ciascun alimento e bevanda.

I risultati non lasciano dubbi

Dall’analisi dei dati è emerso che il grano tenero e la patata  e la mucca e il maiale rappresentano circa il 45% dell’apporto energetico alimentare  totale della popolazione. In questa coorte paneuropea, una ricchezza dietetica più elevata era inversamente associata alla mortalità totale e specifica per causa, indipendente da fattori sociodemografici, stile di vita e altri fattori noti di rischio dietetici. È poi emersa la presenza di associazioni inverse significative tra ricchezza dietetica (in pratica, una dieta varia) e decessi dovuti a cancro, malattie cardiache, dell’apparato digerente e respiratorio.

I limiti dello studio

I risultati della ricerca si sono basati su una coorte osservativa che utilizzava dati dietetici auto-riportanti ottenuti attraverso questionari sulla frequenza alimentare di base. Questo – secondo gli autori – rappresenta un limite dello studio e pertanto non è possibile escludere una classificazione errata dell’esposizione. In ogni caso, i risultati ottenuti supportano il potenziale della biodiversità alimentare (specie) come principio guida delle raccomandazioni dietetiche sostenibili e delle linee guida dietetiche.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La prima raccomandazione dell’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) per garantire una dieta equilibrata, è variare l’alimentazione quotidiana con cibi freschi perché nessun alimento contiene tutti i nutrienti di cui l’organismo ha bisogno.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti