Contro le infezioni batteriche fai il pieno di mirtilli rossi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/02/2017 Aggiornato il 01/02/2017

I mirtilli rossi si sarebbero dimostrati efficaci contro le infezioni batteriche. Tutto merito delle proantocianidine, le sostanze contenute in questi frutti. Ecco come agiscono

Contro le infezioni batteriche fai il pieno di mirtilli rossi

La notizia è stata diffusa da un gruppo di ricercatori canadesi della McGill University di Montreal e dell’Inrs-Institut Armand-Frappier di Laval, che ha recentemente pubblicato sulla rivista “Scientific reports” uno studio che dimostrerebbe come l’estratto di mirtilli sia in grado di interrompere la comunicazione tra le cellule batteriche e di agire quindi contro le infezioni batteriche.

Antibiotici naturali

L’importante azione antibatterica dei mirtilli sarebbe legata alle proantocianidine, sostanze che appartengono alla famiglia dei polifenoli. L’azione delle proantocianidine sarebbe quella di impedire ai batteri di comunicare fra loro, secondo un processo chiamato “quorum sensing batterico”, che rappresenta il punto focale di una catena di eventi coinvolti nella diffusione e gravità delle infezioni batteriche croniche. Inoltre, secondo il team scientifico questa scoperta potrebbe aiutare a combattere l’antibiotico-resistenza, situazione che si verifica quando i batteri modificano la propria struttura per non essere più vulnerabili all’azione dei farmaci impiegati per eliminarli. E di conseguenza ciò permetterebbe, anche, di ridurre al minimo l’utilizzo degli antibiotici a livello generale. 

L’esperimento sui moscerini della frutta

Per giungere a queste conclusioni, gli scienziati hanno somministrato l’estratto di mirtilli rossi a un gruppo di moscerini della frutta, il modello più usato per studiare le infezioni umane. È emerso che i moscerini che avevano ricevuto il succo di mirtilli:

  1.  mostravano livelli più bassi d’infezione;
  2. avevano una vita più lunga.

L’obiettivo: meno farmaci

I risultati fanno ben sperare che i mirtilli in futuro possano essere impiegati per ridurre le infezioni batteriche e, di conseguenza, l’utilizzo degli antibiotici. Servono però altri studi a sostegno di questa tesi.

 

 
 
 

In breve

COME AGISCONO I POLIFENOLI

I polifenoli sono dei potenti antiossidanti, cioè composti che proteggono le cellule contro i danni causati dai radicali liberi (prodotti di scarto dei normali processi dell’organismo, causati anche da fattori di stress e una dieta non sana). Contengono antiossidanti la frutta e la verdura di colore intenso come mirtilli, lamponi, fragole, spinaci, broccoli, peperoni, erbe fresche e spezie.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di due anni con i capelli molto radi

24/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Nella maggior parte die casi, i capelli dei piccolini diventano più folti con il passare deigli anni, tuttavia se appaiono realmente troppo deboli e mancano in alcuen zone della testa è bene sentire il parere di un dermatologo (in presenza).   »

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti