L’elisir di lunga vita racchiuso in 30 super cibi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/04/2016 Aggiornato il 21/04/2016

L’elisir di lunga vita sarebbe contenuto in 30 alimenti: 20 definiti longevity smartfood e 10 protective smartfood. Ecco quali sono

L’elisir di lunga vita racchiuso in 30 super cibi

Sarebbero 30 i cibi che allungano la vita, tutti presenti nella Dieta Smartfood, la prima che in Italia ha ottenuto una certificazione scientifica, oltre che essere stata “adottata” anche dall’Ieo, l’Istituto europeo di oncologia, e  dal Centro cardiologico Monzino di Milano. Ecco come i cibi possono contribuire alla salute.

Prevenire le malattie a tavola

Secondo il medici dell’Ieo, coordinati dal direttore ricerca Pier Giuseppe Pelicci e dalla nutrizionista Lucilla Titta, la lotta all’obesità può ottenere risultati solo se si fa in contemporanea anche la prevenzione verso il cancro, le patologie cardiovascolari, metaboliche e neurodegenerative. E aggiungono anche che, nonostante esistano numerosissime diete dimagranti, la regola fondamentale per perdere peso in modo sano è di non credere ai miracoli e ai repentini cali di peso, anche perché i chili persi velocemente, si riprendono sempre tutti e pure con qualcuno in più.

La dieta smart food

I principi della dieta smart food sono riportati in un libro scritto dalla giornalista Eliana Liotta con la consulenza del dottor Giuseppe Pelicci e della nutrizionista Lucilla Titta. È molto utile perché riporta scoperte sugli alimenti, benefici e suggerimenti per la loro miglior conservazione, cottura e acquisto. Il libro inoltre descrive anche il lavoro di moltissimi ricercatori di tutto il mondo in questo campo. E siccome si tratta di una ricerca che continuerà, acquistando questo libro, si contribuirà a sostenerla: per ogni copia venduta, infatti, un euro andrà al progetto di ricerca Smartfood.

I 30 cibi amici della salute

Questi alimenti apporterebbero azioni benefiche al nostro organismo, quasi come fossero dei farmaci e, per questo motivo, non dovrebbero mai mancare sulla nostra tavola. Tra le loro preziosissime funzioni:

  •  sono alleati della linea e della salute;
  •  danno il senso di sazietà;
  •  contrastano l’accumulo di grasso;
  • allontanano le malattie;
  • allungano la vita.

In particolare: 20 sono definiti  longevity smartfood e 10 protective smartfood.

I longevity Smartfood

Sono quegli alimenti che contengono molecole in grado di influenzare la durata e la qualità della vita, tra questi: arance rosse, cioccolato fondente, cipolle, lattuga, melanzane.

I protective Smartfood

Sono quei cibi che proteggono l’organismo, prevenendo obesità e molte malattie croniche. Tra questi ci sono: aglio, cereali integrali, frutta ed extravergine d’oliva.

 

 
 
 

In breve

NUTRIGENETICA E NUTRIGENOMICA

Sono due discipline scientifiche che studiano come i geni influiscono sul modo in cui il nostro organismo assimila i nutrienti e sulle relazioni tra il cibo e il nostro patrimonio ereditario, il Dna. Se per esempio il gene responsabile della produzione della lattasi (un enzima che interviene nella scissione dello zucchero lattosio contenuto nel latte) è inattivo, la digestione del latte viene meno.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti