Mangi fuori casa? 200 calorie in più senza accorgertene

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/02/2015 Aggiornato il 24/02/2015

Attenzione ai piatti di ristorante, trattoria, bar e mense: sono più calorici di quelli “identici” preparati a casa, mettendo a rischio il peso forma. Ecco i consigli per “limitare” i danni

Mangi fuori casa? 200 calorie in più senza accorgertene

Se vuoi mantenere la linea più facilmente, è meglio che mangi a casa: dalla colazione alla cena compresa! È il risultato di due recenti studi che hanno dimostrato che le porzioni dei ristoranti e dei bar non sono solo più abbondanti, ma anche più ricche di carboidrati, grassi e calorie vuote, a scapito di vitamine e sali minerali.

Sovrappeso e colesterolo cattivo al top

Un campione di quasi 8.000 persone è stato analizzato dai ricercatori della City University of New York, che hanno pubblicato la ricerca sull’International Journal of Obesity. È emerso che chi mangiava fuori casa almeno sei volte la settimana soffriva più facilmente di sovrappeso, hdl basso (il colesterolo buono) e aveva una concentrazione inferiore nel sangue di importanti nutrienti come vitamina C, vitamina E, calcio e magnesio.

Più a rischio le donne

Secondo la coordinatrice dello studio Ashima Kant, le porzioni consumate fuori casa sono più abbondanti, ipercaloriche, ricche di grassi e sale. E inoltre, quando si mangia fuori casa, si tende anche a diminuire il consumo di frutta, verdura e cereali integrali. Chi “ne pagherebbe di più” sarebbero le donne.

Sì a ristoranti e bar ma con scelte oculate

Questo non significa demonizzare ristoranti, bar e mense, afferma Ashima Kant, ma se si è costretti a mangiare fuori casa diventa prioritario:

  • porre particolare attenzione alle scelte,
  • leggere con cura i menù,
  • variare i piatti,
  • preferire le mezze porzioni,
  • evitare salse caloriche e cotture poco sane come le fritture,
  • privilegiare la frutta al posto del dolce come dessert.

Più salutare mangiare a casa

La ricerca della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, pubblicata su Public Health Nutrition, ha potuto dimostrare che mangiare a casa è molto più salutare. Chi pranza o cena fuori casa spesso, consumerebbe 200 calorie in più e anche 20 grammi di zuccheri in più rispetto a chi si cucina da sé. Secondo Julia Wolfson, la responsabile del progetto, chi mangia a casa sei o sette sere a settimana introdurrebbe meno carboidrati, zuccheri e grassi, rispetto a chi consuma i propri pasti al ristorante o al bar. Inoltre, chi cucina a casa, comprerebbe anche meno piatti pronti o surgelati e, trovandosi al ristorante, sarebbe comunque in grado di scegliere piatti di alta qualità.

Ingredienti freschi e cibi genuini

Cucinare a casa è la via maestra per un’alimentazione sana. È quanto affermano gli studiosi alla luce delle due indagini effettuate. Imparare a cucinare piatti genuini, aiuterebbe a nutrirci bene, anche perché stimolati a utilizzare ingredienti freschi e a riscoprire il gusto naturale dei cibi semplici. Quindi, un compito importante della società è educare le persone al piacere di cucinare anche se, afferma Wolfson: “per molti è difficile trovare il tempo di farlo con calma, alla fine di una giornata di lavoro”.

 

da sapere

OGNI TANTO QUALCHE “STRAPPO” È CONCESSO

Anche quando si mangia fuori casa, occorre puntare a un’alimentazione bilanciata, che fornisca tutti i nutrienti necessari, anche se ogni tanto è concesso cedere alla tentazione di qualche golosità!

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti