Meno rischi di adenomi intestinali con lo yogurt

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 30/07/2019 Aggiornato il 30/07/2019

Bastano due porzioni alla settimana di yogurt per abbassare il rischio adenomi intestinali. Fa bene soprattutto a lui

Meno rischi di adenomi intestinali con lo yogurt

Un team di ricercatori statunitensi della Washington University School of Medicine di St. Louis ha individuato nuove qualità salutari dello yogurt. Lo studio statunitense condotto da Xiaobin Zheng e pubblicato sulla rivista Gut, ha dimostrato, per la prima volta come il consumo costante di yogurt (almeno due volte alla settimana) può anche ridurre il rischio di sviluppare gli adenomi intestinali.

Lo studio durato 26 anni

Il campione della ricerca era rappresentato da 32.606 uomini e 55.743 donne.  Ogni quattro anni, in tutti i partecipanti all’esperimento sono stati osservati i seguenti parametri:

1.     condizioni sanitarie;

2.     stile di vita;

3.     dieta

4.     endoscopia intestinale tra il 1986 e il 2012.

Durante il periodo di monitoraggio hanno sviluppato adenomi intestinali 5.811 uomini e 8.116 donne.

I risultati

Conclusa la ricerca è emerso che negli uomini il consumo di due o più porzioni di yogurt alla settimana era associato a un pericolo più basso del 19% di sviluppare gli adenomi di tipo convenzionale e del 26% di sviluppare gli adenomi altamente suscettibili di diventare cancerogeni (quelli situati nel colon). Nelle donne, invece, non è stata rilevata un’associazione significativa tra il consumo di yogurt e le probabilità di sviluppare adenomi intestinali.

Due ipotesi

Essendo uno studio osservazionale, il gruppo di ricerca riferisce che non si può indicare la causa di questo risultato. Ma i ricercatori hanno formulato due ipotesi:

  1. la prima è che i due batteri tipici dello yogurt (Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus) potrebbero ridurre il numero di sostanze chimiche che causano il cancro intestinale. In più la minore probabilità di sviluppare gli adenomi intestinali potrebbe dipendere dalla minore acidità (pH) tipica di quest’area dell’intestino, che lo renderebbe un ambiente più ospitale per i due tipi di batteri;
  2. la seconda è che lo yogurt potrebbe avere proprietà antinfiammatorie e ridurre la permeabilità intestinale, associata alla presenza di adenomi.
     

 

 
 
 

Da sapere!

Studi precedenti avevano già dimostrato come il consumo regolare di yogurt aiuti a ridurre il rischio di cancro intestinale per la sua capacità di modificare la composizione e il volume dei batteri presenti nell’apparato digerente.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si è inserito subito alla scuola materna: accetterà così bene anche l’arrivo di un bebè?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Il fatto che un bambino si dimostri entusiasta dell'ingresso alla scuola materna non è predittivo di come reagirà all'arrivo di un fratellino.   »

Beta-hCG ancora nel sangue dopo un’interruzione di gravidanza: perché?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Dopo un aborto, è normale che l'ormone beta-hCG rimanga nel sangue per alcune settimane, ma se il periodo si protrae oltre i 42 giorni circa è possibile che si sia instaurata un'altra gravidanza.   »

Psicofarmaci in gravidanza: è giusto sospenderli?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego degli SSRI è compatibile con lo stato di gravidanza e non espone a particolari rischi, mentre può essere pericoloso sospenderli o anche solo diminuirne il dosaggio rispetto a quello necessario per controllare il disturbo dell'umore.   »

Piccolissimo con diagnosi di reflusso: che fare?

31/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

Non bisogna immediatamente giungere alla conclusione che il rigurgito del latte dopo le poppate, frequentissimo nei primissimi mesi di vita, sia segno di una patologia. Molto più spesso è solo l'espressione di un'immaturità dei meccanismi che impediscono ai liquidi di risalire dallo stomano all'esofago,...  »

Gravidanza che sta durando più di 40 settimane: perché?

29/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Una durata della gravidanza compresa tra le 38 e le 42 settimane rientra nella normalità. A influenzare la lunghezza della gravidanza è anche la familiarità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti