Mezzo avocado al giorno aiuta a dimagrire

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/03/2014 Aggiornato il 10/03/2014

Per tenere a bada glicemia, peso e sazietà basta portare a tavola il verde frutto esotico dalle numerose proprietà salutari: l’avocado

Mezzo avocado al giorno aiuta a dimagrire

Volete dimagrire dopo il parto (e non solo) senza sforzi? Allora inserite nella vostra alimentazione mezzo avocado a pasto. Questo frutto esotico tra le sue molteplici proprietà benefiche, ha anche quelle di suscitare un senso di sazietà dopo averlo mangiato, evitando così gli snack calorici tra un pasto e l’altro!

Abbassa il rischio di “sgarrare”

Sembrerà strano ma spesso il segreto per non ingrassare dipende anche dal senso di sazietà del pasto che si sta consumando o si è appena consumato. Per cercare di contenere il proprio peso o di non eccedere con le calorie, spesso ci si alza da tavola con ancora un senso di fame, ottenendo, inconsapevolmente, l’effetto contrario: senso di frustrazione e consumo di spuntini ipercalorici o poco salutari dopo poco tempo.

Inserito a metà pasto

Secondo una recente ricerca condotta dal team del professor Joan Sabate, presidente del Dipartimento di Nutrizione della Loma Linda University (California) e pubblicata sul Nutrition Journal, l’avocado ci aiuterebbe a tenere a bada il senso di sazietà. Sarebbe sufficiente mangiare solo metà frutto a pasto per ridurre la voglia di mangiare spuntini spezza fame durante la giornata.  Con le sue 150 calorie (in mezzo avocado fresco) e le sue numerose fibre alimentari sarebbe in grado di non aumentare i livelli di zucchero nel sangue.

Come è stata condotta la ricerca

I ricercatori hanno valutato l’effetto dell’aggiunta di avocado nel pranzo di 26 soggetti sani in sovrappeso. L’inserimento dell’avocado nella dieta dei partecipanti prevedeva la semplice sostituzione di un altro alimento o l’aggiunta del frutto. Lo scopo era quello di valutare come il consumo di avocado avrebbe influenzato il senso di sazietà, la glicemia, la risposta insulinica e, infine, la successiva assunzione di cibo durante la giornata.
È risultato che  dei soggetti che avevano mangiato metà avocado a pranzo:
– il 40% aveva riportato un significativo calo del desiderio di mangiare nelle tre ore successive al pasto;
– il 28% segnalava un riduzione della fame addirittura per un periodo di cinque ore dopo il pasto;
– tutti avevano provato una piacevole sensazione di soddisfazione tale da non desiderare uno spuntino extra.

Il senso di sazietà “pesa” sulla dieta

Secondo il professor Sabate “la sazietà è un fattore importante nella gestione del peso perché le persone che si sentono soddisfatte hanno meno probabilità di fare uno spuntino tra i pasti”. Nonostante l’aumento delle calorie e dei carboidrati dell’avocado nel pasto di mezzogiorno, non si osservava un aumento dei livelli di zucchero nel sangue, rispetto a chi invece consumava un pranzo normale. La spiegazione, ancora da dimostrare, potrebbe essere nel potenziale ruolo dell’avocado nella gestione degli zuccheri nel sangue.  

In breve

LE ALTRE VIRTU’ DELL’AVOCADO

– È alleato del cuore per l’acido grasso linoleico e Omega 3 in esso contenuti in grado di stimolare la produzione di colesterolo buono (HDL) e di inibire il deposito del colesterolo cattivo (LDL).
È un potente antiossidante per la presenza di vitamina A ed E che aiutano a contrastare i radicali liberi.
– È un ricaricatore di energia per la presenza di potassio e ferro. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Un figlio con il diabete insulino-dipendente: si può?

21/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si voglia affrontare una gravidanza dopo i 40 anni e con il diabete, è opportuno farsi seguire da un centro specializzato.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti