No alle diete estreme: pochi benefici sulla linea, tanti danni alla salute

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/05/2017 Aggiornato il 16/05/2017

Bocciate le diete estreme utilizzate per ridurre velocemente il peso. Sarebbero prive di effetti benefici a lungo termine sia sul calo ponderale, sia sulla diminuzione del rischio cardiovascolare o diabetico

No alle diete estreme: pochi benefici sulla linea, tanti danni alla salute

Bocciate dalla Sid, la Società italiana di diabetologia, 3 tipi di diete estreme: la vegana, la preistorica e la chetogenica. Promossa, invece, quella vegetariana. I diabetologi hanno deciso di analizzare gli effetti di quattro tipologie di schemi alimentari adottati da molti diabetici per perdere peso.

Sotto esame 4 modelli alimentari

I diabetologi hanno analizzato le caratteristiche di quattro modelli dietetici (vegana, preistorica, chetogenica e vegetariana) in base agli studi scientifici esistenti. Le quattro diete studiate sono molto diverse fra loro, così come sono diversi gli effetti che producono sul metabolismo. Nel dettaglio la vegetariana esclude carne e pesce, la vegana elimina tutti gli alimenti di origine animale, la chetogenica prevede pochissimi carboidrati e molti grassi, la paleolitica è una dieta proteica.

No in caso di diabete

Secondo la dottoressa Emanuela Orsi, responsabile del servizio di Diabetologia e Malattie del metabolismo della fondazione Cà Granda di Milano, e una delle autrici del documento: “sul web spesso la paleolitica e la chetogenica vengono raccomandate, per il loro basso contenuto di carboidrati, come risolutrici del diabete e addirittura si consiglia la sospensione della terapia insulinica, cosa pericolosissima, soprattutto per i pazienti con diabete 1”. Ma le due diete producono effetti molto diversi:

  • la chetogenica ha pochi carboidrati e alto contenuto di grassi e induce una chetosi fisiologica che può essere pericolosa per i diabetici, in particolare per chi fa terapia insulinica;
  • la paleolitica è più ricca di proteine ma non si conosce se a lungo periodo possa danneggiare la funzione renale, visto che non ci sono studi.

 

Molti dubbi

La dottoressa Orsi ha parecchi dubbi anche su quanto tempo si riescano a seguire queste tipologie di diete. L’aderenza nel tempo è il principale problema di ogni regime alimentare, tanto più se deve essere protratto per tanti anni. È fondamentale in un paziente diabetico la continuità della dieta perché possa avere un effetto sul compenso glicemico. Purtroppo, però spesso si verificano importanti problemi con i regimi più estremi che vengono seguiti rigorosamente solo nei primi sei mesi dalla diagnosi.

Dieta vegetariana, la più vantaggiosa

Promossa a pieni voti, perché ridurrebbe il rischio diabete e malattie cardiovascolari, i livelli di lipidi, soprattutto il colesterolo, e migliorerebbe la funzionalità renale, la dieta vegetariana ha poi anche la caratteristica di essere ricca di fibre, molecole bioattive, e di avere una minore densità energetica che faciliterebbe il dimagrimento.

Deficit nutrizionali con la dieta vegana

La dieta vegana, invece, a differenza di quella vegetariana, se non viene integrata con supplementi o alimenti fortificati, può provocare deficit di acido folico, vitamina D e calcio. E quindi, per i diabetici come per la popolazione generale, va seguita con cautela.

La dieta ideale

“Per il paziente diabetico, l’alimentazione deve essere varia e bilanciata. Solo in questo modo – dice la dottoressa Simona Frontoni, professore di Endocrinologia all’università di Roma Tor Vergata – si può pensare di indurre un cambiamento permanente delle errate abitudini alimentari e di ottenere effetti benefici anche sulla qualità di vita”.

 

 

 

Lo sapevi che?

Per la dieta mediterranea esistono solide evidenze scientifiche che dimostrano i suoi effetti benefici sul controllo del diabete (riducendone l’incidenza fino al 52%) e sul rischio cardiovascolare.

 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti