No all’olio fritto riutilizzato: può favorire il tumore al seno

Silvia Camarda
A cura di Silvia Camarda
Pubblicato il 15/05/2019 Aggiornato il 15/05/2019

L’olio fritto riutilizzato, come quello dei fast food, potrebbe agire da “scintilla” tossicologica sul tumore al seno. E non solo

No all’olio fritto riutilizzato: può favorire il tumore al seno

Che l’olio fritto usato più volte non fosse salutare al nostro organismo era già noto, ma recentemente un gruppo di ricercatori dell’Università dell’Illinois ha scoperto che potrebbe provocare alterazioni genetiche in grado di alimentare la progressione del tumore al seno. Da notare che l’olio fritto riutilizzato è tipico dei fast food e della ristorazione in generale.

Una miccia per il tumore

In pratica, cucinare con lo stesso olio di frittura per molte volte promuoverebbe: cambiamenti nel metabolismo dei lipidi, proliferazione delle cellule tumorali e metastasi nel tumore al seno, facendolo progredire velocemente allo stadio avanzato.

Ricerca su olio di soia, il più usato

Lo studio, durato 16 settimane, ha previsto l’utilizzo di topi di laboratorio, suddivisi in due gruppi:

·      il primo è stato alimentato con olio di soia fresco e non riscaldato;

·      il secondo, invece, è stato alimentato con olio fritto più volte.

È stato scelto l’olio di soia perché è quello adottato più spesso nella ristorazione dei fast food e non solo.

La seconda parte dello studio ha previsto la simulazione del carcinoma mammario in stadio avanzato, iniettando cellule di cancro al seno nei topi. Trascorsi 20 giorni è emerso che i tumori dei topi alimentati con olio fritto più volte avevano avuto una crescita metastatica quattro volte maggiore rispetto ai topi nutriti con olio di soia fresco.

Tossico per polmoni e fegato

Gli scienziati hanno poi anche compiuto un’indagine sui polmoni delle cavie ed è emerso che i roditori alimentati con olio fritto riutilizzato più volte, rispetto all’altro gruppo, avevano:

·      più tumori metastatici del polmone che esprimevano significativamente la proteina Ki-67 strettamente associata alla proliferazione cellulare;

·      l’espressione genica nel fegato alterata.

 

Forse non sapevi che…

I trigliceridi presenti nell’olio sono distrutti con le alte temperature. Ciò determina la produzione di acroleina, una sostanza dannosa al corpo perché ha proprietà tumorali.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti