No all’olio fritto riutilizzato: può favorire il tumore al seno

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 15/05/2019 Aggiornato il 15/05/2019

L’olio fritto riutilizzato, come quello dei fast food, potrebbe agire da “scintilla” tossicologica sul tumore al seno. E non solo

No all’olio fritto riutilizzato: può favorire il tumore al seno

Che l’olio fritto usato più volte non fosse salutare al nostro organismo era già noto, ma recentemente un gruppo di ricercatori dell’Università dell’Illinois ha scoperto che potrebbe provocare alterazioni genetiche in grado di alimentare la progressione del tumore al seno. Da notare che l’olio fritto riutilizzato è tipico dei fast food e della ristorazione in generale.

Una miccia per il tumore

In pratica, cucinare con lo stesso olio di frittura per molte volte promuoverebbe: cambiamenti nel metabolismo dei lipidi, proliferazione delle cellule tumorali e metastasi nel tumore al seno, facendolo progredire velocemente allo stadio avanzato.

Ricerca su olio di soia, il più usato

Lo studio, durato 16 settimane, ha previsto l’utilizzo di topi di laboratorio, suddivisi in due gruppi:

·      il primo è stato alimentato con olio di soia fresco e non riscaldato;

·      il secondo, invece, è stato alimentato con olio fritto più volte.

È stato scelto l’olio di soia perché è quello adottato più spesso nella ristorazione dei fast food e non solo.

La seconda parte dello studio ha previsto la simulazione del carcinoma mammario in stadio avanzato, iniettando cellule di cancro al seno nei topi. Trascorsi 20 giorni è emerso che i tumori dei topi alimentati con olio fritto più volte avevano avuto una crescita metastatica quattro volte maggiore rispetto ai topi nutriti con olio di soia fresco.

Tossico per polmoni e fegato

Gli scienziati hanno poi anche compiuto un’indagine sui polmoni delle cavie ed è emerso che i roditori alimentati con olio fritto riutilizzato più volte, rispetto all’altro gruppo, avevano:

·      più tumori metastatici del polmone che esprimevano significativamente la proteina Ki-67 strettamente associata alla proliferazione cellulare;

·      l’espressione genica nel fegato alterata.

 

Forse non sapevi che…

I trigliceridi presenti nell’olio sono distrutti con le alte temperature. Ciò determina la produzione di acroleina, una sostanza dannosa al corpo perché ha proprietà tumorali.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti