Obesità: scoperti due meccanismi bruciagrassi

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 18/09/2018 Aggiornato il 18/09/2018

Mangiare e non ingrassare è il sogno di tutti. Ecco in che modo i meccanismi bruciagrassi, al momento sperimentati in laboratorio, permetterebbero di dimagrire nonostante la dieta seguita, sconfiggendo l’obesità e trasformando il sogno in realtà

Obesità: scoperti due meccanismi bruciagrassi

Scoperti due meccanismi bruciagrassi che aiuterebbero a ridurre l’obesità, malattia sociale che colpisce 2.200 milioni di individui nel mondo, come riferito dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Gli esperimenti effettuati sui topi di laboratorio avrebbero dimostrato, infatti, l’esistenza di due meccanismi in grado di risvegliare il tessuto adiposo bruno. Gli studi sono stati pubblicati su due autorevoli riviste scientifiche: Nature e PLOS Biology.

La ricerca americana

La prima ricerca, condotta negli Stati Uniti nell’Istituto per la ricerca sul cancro Dana-Farber, ha scoperto che il freddo favorirebbe la concentrazione di “succinato” (una molecola prodotta dall’organismo che si attiva con il freddo e fa perdere peso) nel tessuto adiposo bruno. L’esperimento sui topi avrebbe dato risultati incoraggianti: fornendo della semplice acqua “corretta” di succinato, gli animali non ingrassavano, nemmeno quando erano sottoposti a una dieta ricca di grassi. I ricercatori hanno anche ricostruito il percorso di questa sostanza: viene rilasciata nel flusso sanguigno dall’attività muscolare e da qui catturata e immagazzinata nel tessuto adiposo bruno.

Lo studio spagnolo

Il secondo studio, condotto in Spagna nel Centro Nacional de Investigaciones Cardiovasculares Carlos III (Cnic), ha dimostrato, invece, l’attivazione del tessuto adiposo bruno attraverso una proteina chiamata p38 alfa. L’azione di questa proteina, trovata in oltre 150 persone obese, è quella di tenere a freno la proteina UCP1, anch’essa presente nel tessuto adiposo bruno che attiva le cellule bruciagrassi e sviluppa calore. In questo caso l’esperimento ha dimostrato che topi geneticamente modificati in modo da non avere la p38 alfa, non ingrassavano nemmeno se la loro dieta era ricca di grassi. È bastato eliminare questo freno molecolare per permettere al tessuto bruciagrassi di funzionare a pieno ritmo.

Studi futuri sull’uomo

Il prossimo passo sarà quello di verificare se entrambi i meccanismi di attivazione del tessuto adiposo bruno funzionano anche nell’uomo.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il tessuto adiposo bruno è la parte di tessuto adiposo che aiuta a bruciare le calorie, mentre il tessuto bianco ne favorisce l’accumulo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti