Olio di oliva: scoperta un’azione antimicrobica

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 04/02/2022 Aggiornato il 04/02/2022

Non solo è uno dei più importanti alimenti della dieta mediterranea per le sue proprietà benefiche. L’olio di oliva ci protegge anche da alcuni batteri patogeni presenti nelle insalate confezionate grazie alla sua azione antimicrobica

Olio di oliva: scoperta un’azione antimicrobica

Oltre alle sue ben note proprietà nutraceutiche, per l’alto contenuto di acidi grassi monoinsaturi e composti fenolici, l’olio di oliva ha anche una potente azione antimicrobica contro diversi batteri patogeni. Questa sua attività antibatterica lo renderebbe un ingrediente utile in tutti quei cibi che subiscono processi industriali minimi, come le insalate confezionate in busta (cosiddette IV gamma).

A sostenerlo è un gruppo di ricercatori dell’Università di Sassari che hanno recentemente pubblicato uno studio sulla rivista internazionale “Food Control”.

Come si  è svolta la ricerca

Nel corso dello studio è stata valutata l’attività antimicrobica di 13 diverse varietà di olive italiane, tutte coltivate e lavorate in Sardegna, nella zona di Oristano. L’efficacia antibatterica riscontrata dipenderebbe:

– dalle specie dei batteri bersaglio;
– dalla sua concentrazione.

Una difesa contro le tossinfezioni alimentari

Gli esperimenti su matrice alimentare sono stati eseguiti aggiungendo a insalate in busta, precedentemente inoculate con due microrganismi patogeni (Listeria monocytogenes e Salmonella), gli oli ottenuti dalla varietà Bosana e Sivigliana, in quantità simili a quelle normalmente utilizzate nelle monodosi servite abitualmente nei ristoranti.

Che cosa è emerso

I test in vitro hanno dimostrato la potente azione antimicrobica degli oli di oliva sui principali batteri responsabili delle tossinfezioni alimentari come Staphylococcus aureus, Salmonella, Listeria monocytogenes ed Escehrichia coli.

In particolare, gli oli d’oliva sarebbero in grado di ridurre di più del 90% la concentrazione iniziale dei batteri patogeni delle insalate, dopo solo 15 minuti dall’aggiunta dell’olio.

Limitata attività antimicrobica contro i batteri “buoni”

Gli esperimenti avrebbero mostrato, inoltre, che gli oli testati avevano una limitata attività antibatterica contro i batteri probiotici, come Lacticaseibacillus paracasei, Lacticaseibacillus rhamnosus e Limosibacillus reuteri, meglio conosciuti come Lattobacilli.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Per frutta e verdura quarta gamma si intende ortofrutta fresca, lavata, tagliata, confezionata e pronta al consumo.

In commercio esistono cinque gamme di frutta e verdura, differenziate in base al trattamento industriale adottato subito dopo la raccolta.

– Prima gamma: frutta e verdura fresca tradizionale.

– Seconda gamma: frutta e verdura in conserva.

– Terza gamma: frutta e verdura congelata.

– Quarta gamma: frutta e verdura cotte e ricettate, confezionate e pronte al consumo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti