Pasta di sera… buon sonno si spera

Silvia Camarda
A cura di Silvia Camarda
Pubblicato il 02/05/2019 Aggiornato il 02/05/2019

Si può combattere insonnia e stress anche mangiando la pasta di sera. E niente paura… non fa ingrassare!

Pasta di sera… buon sonno si spera

La pasta di sera non fa male, anzi rilassa, facilita il sonno e, soprattutto, non fa ingrassare. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori del Brigham and Women Hospital di Boston, autori di una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica “The Lancet Public Health”.

Più sonno, ma non più chili

Questo risultato renderà felici i quasi 12 milioni di italiani che rinunciano alla pasta di sera per paura di ingrassare e anche i 27 milioni di italiani che soffrono di disturbi del sonno. Secondo lo studio americano, infatti, si può portare a tavola la pasta di sera, soprattutto se si è “sotto pressione”, ansiosi e si soffre di disturbi del sonno perché facilita il rilassamento. L’azione calmante della pasta si deve al triptofano, un aminoacido da cui deriva la serotonina (un neurotrasmettitore che favorisce il rilassamento, il sonno e stabilizza l’umore), e alle vitamine del gruppo B.

A pranzo e a cena

A seguito di questo studio le abitudini alimentari degli italiani potrebbero modificarsi. A oggi il 65% degli italiani mangia la pasta a pranzo e solo il 35% la consuma a cena. Tutti gli alimenti, invece, (carboidrati e proteine, quindi pane, pasta, frutta, verdura, carne e pesce) andrebbero consumati nella stessa quantità sia a pranzo si aa cena.

 

 

Da sapere!

L’azione distensiva dei carboidrati sembra dipendere anche dal loro elevato effetto saziante.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti