Peperoncino rosso: elisir naturale di lunga vita?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 01/03/2017 Aggiornato il 01/03/2017

Mortalità ridotta del 13% per malattie cardiache e ictus se a tavola portiamo il peperoncino rosso piccante. Ecco perché è così salutare

Peperoncino rosso: elisir naturale di lunga vita?

Mangiare il peperoncino rosso piccante “allungherebbe” la vita. Questo, perlomeno,  è quanto emerge da uno studio dell’Università del Vermont, negli Stati Uniti, e pubblicato sulla rivista Plos One. In sintesi, il peperoncino rosso piccante avrebbe la capacità di ridurre la mortalità del 13%, soprattutto quella dovuta alle malattie cardiache e all’ictus.

Sotto esame 16mila persone

Lo studio si è basato sui dati della National health nutritional Examination survey (Nhanes) che comprendeva 16mila persone seguite per 18 anni. Dall’analisi delle abitudini alimentari del campione è emerso che chi consumava il peperoncino rosso aveva una mortalità più bassa (21,6%) rispetto ai non consumatori (33,6%).

I fans del peperoncino

Esaminando più nel dettaglio le caratteristiche principali dei partecipanti  allo studio, è emerso che gli “amanti” del peperoncino tendono a essere:

  • più giovani
  • per lo più maschi
  • di razza bianchi
  • sposati
  • con il vizio del fumo
  • abituati a bere alcolici
  • consumatori di verdura e carne
  • con il colesterolo basso
  • con un reddito più basso
  • meno istruiti
Il merito è della capsaicina e non solo

Oltre a dare il gusto piccante, la capsaicina, la principale sostanza contenuta nel peperoncino, avrebbe il pregio di stimolare la perdita di peso, accelerando il metabolismo, e di regolare il flusso di sangue nelle coronarie. Il peperoncino avrebbe anche altro proprietà salutari, come:

  • possedere un’azione antibatterica in grado di influire positivamente sulla flora intestinale;
  • avere un effetto protettivo, perché fonte di vitamina B, C e pro-vitamina A.
Raccomandato nella dieta?

Secondo i ricercatori questi risultati, se confermati da altri esperimenti, potrebbero portare a valutare, in un prossimo futuro, di suggerire il consumo di peperoncino rosso  o cibo piccante in genera,e nella dieta quotidiana, perché elemento concorrente al raggiungimento di uno stile di vita alimentare sano.

 

lo sapevi che?

La Calabria è la regione italiana che consuma più peperoncino, consumato sia fresco sia essiccato e poi macinato nei condimenti della pasta e negli impasti dei salumi tipici (salsicce, soppressate, capicolli, nduja).

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti