Per dimagrire no a diete low-fat e low-carb

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/10/2014 Aggiornato il 21/10/2014

Per raggiungere il peso forma non serve seguire diete povere di grassi e carboidrati, ma una dieta bilanciata e una vita attiva

Per dimagrire no a diete low-fat e low-carb

Per stare in forma non serve rispettare diete rigide quanto, invece, ricordare che grassi, proteine e zuccheri hanno un valore nutrizionale in sé che dipende da altri nutrienti in essi contenuti come le vitamine, i sali minerali e le fibre alimentari. E dunque non servirebbe seguire diete povere di grassi e di carboidrati per raggiungere il peso forma, quanto invece adottare una dieta bilanciata, solo leggermente low-fat e low-carb e soprattutto una vita non sedentaria, facendo sport e muovendosi di più.

È sempre allarme obesità

Nonostante la nascita di alimenti light, con l’idea di togliere i grassi per ridurre le calorie, l’epidemia di obesità non è diminuita. Si dà la colpa ai carboidrati e per questo sono eliminati dalle diete; quando, poi, ci si accorgerà che l’obesità continua ad esserci verranno bandite le proteine. Ma nessuna di queste soluzioni porterà a risultati soddisfacenti. È quanto dichiara il dottor Andrea Ghiselli del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazioni in Agricoltura di Roma, commentando lo studio di Lydia Bazzano della Tulane University pubblicato su Annals of Internal Medicine.

Ciò che conta sono i micronutrienti

Il corretto apporto energetico e dei fabbisogni di tutti i nutrienti è dato da quelle diete che prevedono il 45-60% di calorie dai carboidrati, il 25-35% dai grassi e il 15-20% dalle proteine. Ma secondo il dottor Ghiselli non è importante tanto la ripartizione dei macronutrienti in una dieta, quanto l’apporto di tutti i micronutrienti, vitamine, minerali e fibre alimentari, sostanze che fanno bene quando assunte in determinate proporzioni come quelli in cui naturalmente presenti nei cibi.

Meno alcol e zucchero ma non pasta

Le calorie cui è meglio rinunciare sono quelle provenienti dall’alcol e dallo zucchero (quello che mettiamo nel caffè) perché si tratta di “calorie vuote”, nel senso che apportano solo calorie, ma nessun altro nutriente. Viceversa un piatto di pasta oltre alle calorie che contiene, rappresentate da tante molecole di glucosio (zucchero semplice), contiene parecchie proteine, fibra, vitamine e sali minerali

In breve

CHE COSA BERE QUANDO SI È A DIETA

L’ideale è l’acqua, ma sono ammessi anche i soft drink, purché non troppo zuccherati e in quantità eccessive.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti