Per dimagrire sì ai carboidrati e no ai grassi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/09/2015 Aggiornato il 25/09/2015

Sembrerà impossibile crederlo, ma si perde più peso eliminando dalla dieta i grassi e non i carboidrati! Sempre valido il detto “mangiare poco, ma di tutto”

Per dimagrire sì ai carboidrati e no ai grassi

Buone notizie per gli amanti della pasta e del pane: sono permessi anche in una dieta ipocalorica! Se l’obiettivo è dimagrire, molto meglio ridurre i grassi. “Parola” di uno studio americano, che sostiene che se si vuol perdere peso non si deve rinunciare ai carboidrati, ma piuttosto ai grassi.

Dieta “no fat” più efficace di quella “low carb”

Lo studio, condotto dal dottor Kevin Hall dell’Istituto nazionale sul diabete negli Usa e pubblicato sulla rivista Cell Metabolism, ha interessato 19 soggetti che inizialmente dovevano seguire una dieta di 2.700 calorie al giorno. In seguito, al campione veniva richiesto di ridurre l’apporto calorico di un terzo per due settimane, riducendo il quantitativo di carboidrati o di grassi. Per determinare con precisione i processi chimici dell’organismo, i ricercatori hanno analizzato i livelli di ossigeno e di anidride carbonica espirati e la concentrazione di azoto nelle urine. Dopo una settimana di regime alimentare a “zero grassi” si era registrata una perdita di quasi mezzo chilo, l’80% in più rispetto a una dieta “zero carboidrati”.

Necessarie ulteriori indagini

Nonostante i risultati interessanti, i ricercatori ritengono che si debbano effettuare altri approfondimenti a questo studio, dato il numero del campione esiguo. Certo è che non sembrerebbero esserci motivi “metabolici” per privilegiare una dieta senza pane, pasta e patate. La ricerca non è ancora terminata e, infatti, Hall sta ora studiando le immagini del cervello delle 19 persone analizzate per indagare come le diete influiscano su quanto il cibo sia gratificante.

Parola d’ordine: equilibrio

Come recita l’antico detto latino “la virtù sta nel mezzo”, che invita alla moderazione e a evitare gli eccessi, anche il nutrizionista Andrea Ghiselli, ricercatore del Cra (Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura) di Roma, invinta a non esagerare né in un senso né nell’altro. Secondo Ghiselli a cicli vengono erroneamente “perseguitate” le diverse categorie di alimenti: prima è stata la volta dei grassi, ritenuti responsabili di ogni colpa, poi è stata la volta dei carboidrati, e forse presto toccherà anche alle proteine. La verità, secondo il nutrizionista è che ciò che è veramente dannoso è il troppo, qualunque esso sia: grasso, carboidrato o proteina!

 

 
 
 

In breve

IMPORTANTI SEMPRE FRUTTA E VERDURA

 In ogni regime alimentare un posto d’onore deve essere occupato dalla frutta e dalla verdura, importanti per l’apporto di vitamine, minerali e fibre e per lo scarso contenuto di calorie.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti