Per dimagrire usa l’umami

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/04/2015 Aggiornato il 07/04/2015

Dimagrire mangiando si può: basta consumare alimenti contenenti l’umami, il quinto gusto che stimola le nostre papille gustative

Per dimagrire usa l’umami

L’umami, il quinto gusto presente in molti piatti della cucina cinese e giapponese e in altri svariati cibi, tra cui carne, pomodoro e formaggio tipo grana, potrebbe farci perdere peso facilmente. A sostenerlo è una ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition che dimostrerebbe come questo additivo che esalta la sapidità dei cibi, apporterebbe un effettivo senso di sazietà, aiutandoci a mangiare di meno.  

Il futuro delle diete 

L’esperimento consisteva nell’offrire al campione testato la stessa colazione, con la semplice differenza che solo ad alcune persone veniva aggiunto l’umami. Il risultato è stato che coloro che mangiavano la colazione addizionata di umami erano sazi prima degli altri. Scientificamente l’umami potrebbe essere tradotto come glutammato monosodico, il sale di sodio dell’acido glutammico, uno dei 23 aminoacidi naturali che costituiscono le proteine.

Funzionano anche pepe e peperoncino

È noto come anche altri cibi o condimenti procurino un maggior senso di sazietà, riducendo la voglia di mangiare, quando consumati con costanza nella nostra dieta.   Per esempio, il pepe e il peperoncino innescano lo stesso meccanismo dell’umami, anche se non è ancora chiaro come l’aggiunta di un condimento a una pietanza possa modificare l’appetito. Il peperoncino, in particolare, è un attivatore del metabolismo, facendo bruciare più energia. Ma l’effetto piccante diminuisce con l’aumento dell’assunzione: in pratica, più si aggiunge peperoncino ai cibi, più il senso di sazietà diminuisce, perché ci si abitua al gusto. Lo stesso, però, non si verifica se il peperoncino è sintetizzato in una pillola come integratore: in questo caso il nostro cervello non attiva lo stesso meccanismo che si ha quando il peperoncino viene aggiunto ai cibi. Anche lo zenzero, l’aneto e il prezzemolo apporterebbero proprietà benefiche per chi è a dieta.

Sì alle verdure spezza-fame

Il primato di chi riduce di più il senso della fame quando si è a dieta spetta, comunque, alle verdure, ancora meglio se in purea. La spiegazione è semplice: se le verdure sono nascoste tra i cibi, sminuzzate in piccolissime parti, si mangia di meno perché, pur non vedendole, vengono assunte, aumentando il senso della sazietà.

 

 

 

lo sapevi che?

In giapponese umami significa “saporito” ed è caratteristico del glutammato, un amminoacido presente in cibi altamente proteici, come carne e formaggio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti