Ecco perché gli alimenti rossi piacciono di più

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2017 Aggiornato il 13/01/2017

Il cervello umano sarebbe attratto dagli alimenti rossi, mentre diffiderebbe di quelli verdi. All’origine, forse meccanismi evolutivi atti a garantire la capacità di individuare i cibi più nutrienti in base al colore

Ecco perché gli alimenti rossi piacciono di più

Il cervello sceglierebbe i cibi in base al colore. In particolare la preferenza ricadrebbe verso gli alimenti rossi a discapito di quelli verdi perché ritenuti meno nutrienti. È il risultato di uno studio italiano pubblicato sulla rivista Scientific reports e condotto dai ricercatori della Scuola Internazionale Superiore degli Studi Avanzati (Sissa) di Trieste, diretti da Francesco Foroni.

Rosso = nutriente

Secondo Foroni nei cibi naturali, cioè non processati, il colore sarebbe un buon predittore dell’apporto calorico. Anzi, più un cibo tenderebbe al rosso e più è probabile che sia nutriente. Viceversa quelli di colore verde tenderebbero a essere poco calorici. Durante la sua evoluzione, l’uomo avrebbe migliorato la capacità di cogliere le differenze cromatiche degli alimenti. E questo gli avrebbe permesso di scegliere i cibi più adatti, come la carne rossa a garantire la sopravvivenza.

Anche per i cibi cotti

Questa capacità di valutare più “stimolanti” e calorici gli alimenti rossi, sarebbe applicata anche nei confronti dei cibi cucinati, nonostante la cottura ne modifichi il colore.  Rispetto a quelli naturali, i cibi cotti sarebbero maggiormente preferiti perché, a parità di quantità, offrirebbero più nutrimento.

Solo a tavola

La ricerca avrebbe dimostrato anche che la regola dei colori si applicherebbe solo con gli alimenti. La preferenza del rosso sul verde, infatti, non si osserva con gli oggetti non commestibili. Ciò significherebbe che il codice colore del sistema visivo si attiverebbe solo con gli stimoli alimentari. Secondo  i ricercatori la preferenza del cervello per il colore dei cibi potrebbe essere utile nel trattamento dei disturbi alimentari, per esempio adottando colorazioni ad hoc per lle confezioni.

 

 
 
 

da sapere!

In alcuni Paesi per bandire dalla dieta quotidiana alimenti ipercalorici, come le bibite gassate e cibi molto grassi, sono stati introdotti dei “disclaimer” sulle confezioni, come è già stato fatto per le sigarette.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti