Pesce crudo: effetto anti-age assicurato!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/03/2017 Aggiornato il 02/03/2017

Portare a tavola sushi e sashimi aiuterebbe a mantenere giovane ed elastica la pelle. Merito dei preziosi nutrienti contenuti nel pesce crudo. Ecco quali

Pesce crudo: effetto anti-age assicurato!

Saranno contenti i cultori della cucina giapponese: mangiare il pesce crudo, come sushi, sashimi, ma anche chiraschi (pesce servito sul riso in una scatola laccata o in una ciotola) farebbe ringiovanire la pelle. Dal punto di vista nutrizionale, è noto che il pesce, presente nella dieta mediterranea anche crudo come carpaccio, tartare e marinato, è salutare perché ricco di importanti nutrienti indispensabili in una sana alimentazione.

Combatte l’invecchiamento

Il pesce crudo avrebbe anche il potere di difendere dall’invecchiamento cellulare, riducendo rughe, opacità e perdita di tono conseguenti alla ossidazione. Il merito è delle preziose sostanze che contiene e, in particolare:

  • vitamina D, che contrasta le infiammazioni e, di conseguenza, l’invecchiamento;
  • acidi grassi polinsaturi Omega 3 e Omega 6, sostanze importanti per la salute contenute in percentuali più alte soprattutto nei pesci consumati crudi. Alcuni studi americani avrebbero, inoltre, ipotizzato che gli Omega 3 contribuirebbero a frenare l’accorciamento dei telomeri (le estremità dei cromosomi), che è tra le cause della rapidità con la quale invecchiamo. Più è lenta la riduzione dei telomeri, più a lungo rimaniamo giovani;
  • vitamina E, coenzima Q10 e vitamine del gruppo B, in particolare B2 (riboflavina), B8 (biotina) e B5 (acido pantotenico), vitamine antiossidanti importanti per il microcircolo, l’elasticità della pelle e, anche, per il ciclo vitale del capello;
  • sali minerali, come zinco, rame e selenio, fondamentali per produrre enzimi e antiossidanti endogeni, come la glutatione perossidasi e la superossido dismutasi, in grado di contrastare l’invecchiamento;
  • taurina, un aminoacido che, secondo alcune ricerche, condizionando positivamente il metabolismo degli adipociti, potrebbe aiutare a controllare il peso.

Omega 3 e Omega 6: il rapporto ottimale è salutare

Diversi studi avrebbero, poi, dimostrato che l’assunzione in rapporto ottimale di Omega 6 (presenti soprattutto negli oli vegetali) e di Omega 3 aiuterebbe a controllare le infiammazioni, responsabili dell’invecchiamento precoce, oltre a proteggere il sistema cardiovascolare. Il rapporto ottimale raccomandato è di circa 4 porzioni di Omega 6 per ogni porzione di Omega 3. In particolare questi acidi grassi Omega sono capaci di proteggere la pelle, l’organo che più visibilmente è testimone del trascorrere del tempo. Sono precursori delle ceramidi, molecole presenti alla base del “cemento” intercellulare (miscela di sostanze lipidiche e cerose), che aiutano l’epidermide e il fusto dei capelli a mantenersi compatti e ben idratati, proteggendoli così dalla secchezza e, indirettamente, dal foto-invecchiamento.  

 

 
 
 

da sapere!

In molti ristoranti sushi e sashimi sono usati come sinonimi. In realtà tra le due preparazioni c’è una differenza fondamentale: il sashimi è costituito da solo pesce, mentre nel sushi è presente anche il riso, oltre ad altri ingredienti, come le alghe.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti