Più facile perdere peso con le fibre

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/04/2015 Aggiornato il 10/04/2015

Dimagrire non vuol dire solo migliorare l'aspetto estetico, ma è soprattutto utile per prevenire tutte le malattie correlate all'obesità, come la sindrome metabolica

Più facile perdere peso con le fibre

Si può dimagrire anche con un dieta semplice, anzi sarebbe più facile rispetto a quei regimi dietetici complicati e difficili da seguire per lungo tempo. L’importante è che sia ricca di fibre di origine alimentare. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori guidato dal dottor Yunsheng Ma della Scuola di Medicina dell’Università del Massachusetts (Worchester, Usa), che ha pubblicato recentemente uno studio sugli Annals of Internal Medicine sull’efficacia di un regime alimentare ricco di fibre nel prevenire obesità e sindrome metabolica.

 Test su 240  obesi con sindrome metabolica

 Una parte del campione doveva assumere ogni giorno almeno 30 grammi di fibre. Il restante doveva seguire, invece, la dieta raccomandata dall’American Heart Association, basata su un aumento del consumo di frutta e verdura, di cereali integrali, di proteine magre e di pesce abbinato alla riduzione dell’assunzione di zucchero, sale, alcol, colesterolo e grassi saturi e trans.

Perdita di peso garantita

Le due diete, dopo un anno, hanno dato ottimi risultati: la prima, quella ricca di fibre alimentari, è riuscita a far perdere in media due chili, la seconda,  quella raccomandata dall’American Heart Association ha addirittura portato l’ago della bilancia a meno 2,7 chili dal peso di partenza.

Gli altri benefici

Le due diete sono risultate efficaci anche a livello clinico su alcuni fattori predittivi della sindrome metabolica, in particolare, hanno:   

Secondo Yunsheng Ma, entrambe le diete sono valide per i benefici risultati ottenuti, ma la dieta a base di fibre alimentari avrebbe un vantaggio in più: quello di essere più semplice da seguire, un aspetto da non trascurare soprattutto con coloro che seguono parecchie diete dimagranti, ma poi le abbandonano prima di raggiungere l’obiettivo, perché troppo complesse nella gestione quotidiana. 

 

 

 

In breve

NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE VEGETALE

Sono particolarmente ricchi di fibre: frutta, verdura, legumi, cereali integrali, frutta secca e semi oleosi. Un’alimentazione che preveda tutti i giorni la rotazione di questi cibi non può che aiutarci a migliorare il nostro stato di salute, prevenendo la comparsa di patologie cardiovascolari e …. aiutarci anche a perdere qualche chilo di troppo!

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti