Più noci a tavola = meno colesterolo nel sangue

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 26/10/2021 Aggiornato il 26/10/2021

Una manciata di noci ogni giorno promuove la salute cardiovascolare. Come? Riducendo il colesterolo cattivo

Più noci a tavola = meno colesterolo nel sangue

Mezza tazza di noci al giorno riduce il colesterolo lipoproteico a bassa densità “Ldl”, meglio conosciuto come “colesterolo cattivo”. È il risultato di uno studio randomizzato di un gruppo di ricercatori di università europee e statunitensi, pubblicato sull’autorevole rivista scientifica American Heart Association.

Walnuts and Healthy Aging, noci e invecchiamento sano

Durata 2 anni, la ricerca ha coinvolto 708 persone sane con una prevalenza del genere femminile (68%),  residenti a Barcellona in Spagna, e a Loma Linda in California.

Il campione è stato suddiviso in due gruppi:

– il primo seguiva una dieta che prevedeva ogni giorno il consumo di noci (mezza tazza);
– il secondo gruppo di “controllo” si asteneva dal mangiare noci.
 
Obiettivo dello studio era valutare se il consumo regolare di noci favorisce un invecchiamento sano, apportando effetti benefici sulle lipoproteine.

Risultati confortanti

Al termine della ricerca sono stati analizzati per ciascun partecipante, i livelli di colesterolo, la concentrazione e la dimensione delle lipoproteine. Le analisi complete delle lipoproteine, disponibili solo in 628 individui,

hanno evidenziato che:

– I partecipanti al gruppo delle noci presentavano livelli di colesterolo Ldl più bassi, in media di 4,3 mg/dL, e il colesterolo totale era abbassato in media di 8,5 mg/dL.
– Il consumo giornaliero di noci aveva ridotto il numero di particelle Ldl totali del 4,3% e le particelle Ldl piccole del 6,1%. Questi cambiamenti nella concentrazione e nella composizione delle particelle Ldl sono associati a un minor rischio di malattie cardiovascolari.
– Il colesterolo delle lipoproteine a densità intermedia (Idl) era diminuito. Il colesterolo Idl è un precursore dell’Ldl e si riferisce a una densità tra quella delle lipoproteine a bassa densità e quella a densità molto bassa. Nell’ultimo decennio, il colesterolo Idl è emerso come un importante fattore di rischio cardiovascolare lipidico indipendente dal colesterolo Ldl.
– Le variazioni del colesterolo Ldl nel gruppo delle noci differivano per sesso; negli uomini, il colesterolo Ldl era diminuito del 7,9% contro il 2,6% nelle donne.

Non è vero che fanno ingrassare

Emilio Ros, direttore della Lipid Clinic presso il Servizio di Endocrinologia e Nutrizione dell’Ospedale Clinico di Barcellona in Spagna e coautore dello studio, ha dichiarato che questa ricerca ha anche scoperto che i grassi sani nelle noci non hanno indotto un aumento di peso nei partecipanti, timore di molti che non mangiano le noci proprio perché preoccupati di ingrassare.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Le noci, grazie all’alto contenuto di acidi grassi omega 3, in particolare l’acido alfa linoleico, apportano effetti benefici alla salute: riducono, infatti, il numero di particelle Ldl totali e il rischio di malattie cardiovascolari.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti