Più salute con i colori della dieta mediterranea

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/10/2015 Aggiornato il 06/10/2015

Per vivere meglio e più a lungo, a tavola non devono mai mancare gli alimenti colorati della dieta mediterranea

Più salute con i colori della dieta mediterranea

Scoperto un altro motivo per cui la dieta mediterranea è un prodigio per la nostra salute. Questa volta il merito è degli “antociani”, i pigmenti colorati dal rosso al blu, contenuti in alcuni tipi di frutta e di verdura.

Tante proprietà preziose

Secondo Lucia Guidi e Marco Landi del Dipartimento di scienze agrarie, alimentari e agro ambientali dell’Università degli studi di Pisa, le proprietà preventive delle malattie cronico-degenerative connesse alla produzione di radicali liberi già riconosciute alla dieta mediterranea dalla scienza a livello internazionale, sarebbero anche dovute ai colori degli antociani. Nel volume “Handbook of Anthocyanins: Food Sources, Chemical Application and Health Benefits” (Nova Science Publisher), gli autori toscani hanno riportato il contenuto di antociani nei principali alimenti, stilando una specie di classifica dei cibi più ricchi di antociani. Al primo posto c’è l’uva nera (800-900 mg di antociani/100 g), poi la ciliegia (350-400 mg/100 g), il ribes (80-420 mg/100 g), le olive (55-430 mg/100 g), e per ultimo il vino rosso (24-35 mg/100 g).

Merito degli antociani

Dal greco “anthos” = fiore e “kyanos” = blu, gli antociani sono tra i pigmenti più diffusi nel regno vegetale e presenti in molto alimenti tipici della dieta mediterranea come mirtilli, melanzane, pesche, arance, fichi, ciliegie, olive.

Gli italiani tra i maggiori consumatori

In Europa, l’apporto procapite di antociani attraverso la dieta varia tra i 19.8 e 64,9 mg al giorno, ma il dato interessante è che il popolo italiano è tra quelli che ne assume di più, grazie proprio alla dieta mediterranea, di cui l’Italia è la “culla”, e all’assunzione quotidiana di frutti rosso-viola come more, fragole, prugne, ortaggi tipo melanzane e radicchio e naturalmente anche al vino!

 

In breve

 SI’ A FRUTTA E VERDURA

 Secondo i principi della dieta mediterranea bisognerebbe assumere 5 porzioni al giorno tra frutta e verdura.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti