Porzioni a occhio: come misurarle senza sbagliare

Metella Ronconi
A cura di Metella Ronconi
Pubblicato il 13/03/2019 Aggiornato il 13/03/2019

Una dieta equilibrata dipende anche dalle corrette quantità di cibo e per misurare le porzioni a occhio possono bastare le mani. Una guida per non sbagliare

Porzioni a occhio: come misurarle senza sbagliare

Nel Regno Unito è stata realizzata la guida “Find Your Balance – Get portion wise”, a cura della British Nutrition Foundation, che utilizza le mani e alcuni utensili da cucina per valutare in maniera semplice le porzioni a occhio.

Pesare senza bilancia

Il documento è nato per integrare le Linee guida ufficiali Eatwell, che indicano già il numero di porzioni quotidiane necessarie per quanto riguarda carboidrati, cibi proteici, latticini, frutta e verdura. La guida è stata realizzata in forma di schede “delle dimensioni adatte a essere appese a un frigorifero”, ed è stata tarata su un apporto di duemila calorie al giorno. Per ogni alimento poi c’è una indicazione di come calcolare le porzioni a occhio utilizzando solo le mani o un cucchiaio.

Alcuni esempi

Una porzione di spaghetti equivale a quelli che stanno nel cerchio formato tra il pollice e l’indice, più o meno delle dimensioni di una moneta da un euro, mentre una di cereali da colazione sta nelle due mani piene. Una patata delle dimensioni del pugno di un adulto pesa circa 220 grammi e apporta 270 calorie. Una di salmone grande metà di una mano oscilla tra i 100 e i 140 grammi con 240 e 355 calorie. Bridget Benelam, manager della fondazione, ha spiegato come sia importante avere un’idea della porzione che si sta mangiando prima di iniziare, perché serve un po’ di tempo prima che arrivi al cervello il “segnale” della sazietà. 

Contro sovrappeso e obesità

Sebbene non nuovi, i consigli sono stati aggiornati dopo aver studiato le dimensioni delle porzioni in tutto il mondo e le confezioni nei supermercati del Regno Unito. Molte persone non si rendono conto che le dimensioni delle porzioni abitualmente consumate sono molto più grandi, anche il doppio, di quelle raccomandate. Anche i cibi sani contengono calorie e pur facendo scelte salutari a tavola, ciò non significa che si mangi poco. Il consumo sistematico di porzioni di cibo esagerate è quasi certamente un fattore che porta al sovrappeso e all’obesità.

 

 

 
 
 

Da sapere!

La scelta della guida di usare il volume di alimenti cotti è utile perché rende possibile valutare le porzioni anche in contesti quali la mensa, i ristoranti dove il cibo ci viene presentato già cotto.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti