Quinoa a tavola, solo benefici

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/11/2015 Aggiornato il 20/11/2015

Basta conoscere tutte le proprietà nutrizionali della quinoa per capire il perché sia stata definita il “supergrano del futuro” o “madre di tutti i semi” dalle popolazioni pre-colombiane che la usavano già nel 5000 a.c.

Quinoa a tavola, solo benefici

La quinoa è una pianta originaria del Sud America, coltivata soprattutto in Perù, Bolivia ed Equador, ancora secondo metodi tradizionali tramandati di generazione in generazione. Spesso considerata un cereale per i suoi semi ricchi di amido, in realtà appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae, la stessa degli spinaci e barbabietole.

Senza glutine

Lo pseudocereale , così definito per le sue caratteristiche nutrizionali simili a quelle del riso, frumento, orzo, avena, è, in più, privo di glutine, rendendolo adatto a tutti i celiaci. Delle sue molteplici proprietà benefiche se ne erano accorti gli Inca e i Maya già nel 5000 a.c., come testimonia il rinvenimento di semi e infiorescenze di questa pianta in alcune antiche sepolture cilene e peruviane.

Le 7 proprietà benefiche

1.     È uno degli alimenti più ricchi di proteine, anche ad alto valore biologico, visto che contiene tutti i nove aminoacidi essenziali. Anche per questo motivo è molto presente sulle tavole dei vegetariani e vegane.

2.     Possiede molte fibre, quasi il doppio rispetto agli altri cereali. Questo la rende efficace nel combattere costipazione e prevenire le emorroidi. In più, poiché le fibre riducono la pressione, il colesterolo e il glucosio del sangue, la quinoa ci protegge dalle malattie cardiache e dal diabete. E poi, ancora, l’alto contenuto di fibre favorisce la riduzione del peso perché richiede un maggior tempo di masticazione, aumenta il senso di sazietà, e a parità di volume, possiede meno calorie.

3.     È fonte di ferro, che è essenziale per il buon funzionamento dei globuli rossi e per l’emoglobina, proteina che lo contiene nella sua molecola. Il ferro svolge molte funzioni: trasporta l’ossigeno tra le cellule, interviene nella sintesi dei neurotrasmettitori, regola la temperatura corporea, l’attività enzimatica e il metabolismo energetico.

4.     Contiene la lisina, un aminoacido fondamentale per la crescita e la riparazione dei tessuti organici.

5.     È una miniera di magnesio, minerale che facilita la dilatazione dei vasi sanguigni, potendo così attenuare l’emicrania. Interviene anche nel controllo degli zuccheri nel sangue, prevenendo il rischio di sviluppare il diabete tipo 2.

6.     Possiede un alto contenuto della vitamina B2 (riboflavina), che favorisce il metabolismo energetico delle cellule cerebrali e muscolari.

7.     È anche ricca di manganese, antiossidante che aiuta a prevenire eventuali danni mitocondriali durante la produzione di energia e a proteggere le cellule dai radicali liberi.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

La quinoa si presta a molte preparazioni: zuppe, insalatone, secondi piatti e perfino gustosissimi dolci.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tic in una bimba di tre anni e mezzo

17/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

In presenza di tic che compaiono all'improvviso è buona regola prima di tutto effettuare alcuni specifici esami del sangue e un tampone faringeo per la ricerca dello streptococco.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti