Salsa di pomodoro cotta amica dell’intestino?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 26/07/2018 Aggiornato il 31/07/2018

La salsa di pomodoro sembra aumentare l’effetto probiotico dei batteri “buoni”, alleati della salute intestinale. Ecco perché

Salsa di pomodoro cotta amica dell’intestino?

Che il pomodoro sia un alimento estremamente benefico per il nostro organismo è risaputo da tempo. Ora arriva la conferma che anche la salsa di pomodoro cotta fa bene, soprattutto all’intestino. A dirlo una ricerca condotta da un’équipe di studiosi spagnoli dell’Universitat Politècnica de València, pubblicata sul Journal of Functional Foods. 

Un cibo altamente benefico

Il pomodoro è molto apprezzato dai medici perché è ricchissimo di licopene, una sostanza dalle molteplici qualità, utile per combattere l’invecchiamento e anche nella lotta a diversi tipi di tumore. Ma non solo. Secondo un recente studio, il licopene funzionerebbe sulla pelle come una crema solare a bassa protezione, conferendole un altissimo grado di protezione nei confronti dei raggi Uv. Il licopene sembra aumentare anche i livelli di procollagene, una molecola che aiuta la cute a mantenere le proprie strutture e, dunque, a ritardare il processo di degenerazione.

Come agisce nei confronti dell’intestino

Gli studiosi spagnoli hanno cercato di esaminare il legame che esiste fra licopene e altri antiossidanti contenuti nel pomodoro, come i composti fenolici, e il probiotico L. reuteri, battere vivo protettivo che ha la funzione di riequilibrare il microbiota intestinale, accrescendo la popolazione dei batteri buoni e ridimensionando quella dei batteri cattivi. Hanno così condotto una serie di esperimenti, durante i quali hanno scoperto che le sostanze presenti nella salsa di pomodoro proteggono il ceppo probiotico e gli consentono di non perdere la sua vitalità durante il processo digestivo. Non solo: hanno anche osservato che gli effetti sono maggiori se la salsa è cotta invece che cruda. “Abbiamo valutato la vitalità del ceppo probiotico lungo il processo digestivo singolarmente e la presenza di antiossidanti da fonti vegetali, nonché l’impatto sui cambiamenti subiti dai composti antiossidanti e la conseguente bioaccessibilità. Abbiamo così scoperto che servire pasti ricchi di probiotici con salsa di pomodoro cotto aumenta l’effetto probiotico, oltre a provocare una progressiva isomerizzazione del licopene del pomodoro, cosa che porta a una maggiore bioaccessibilità finale di questo carotenoide” hanno spiegato i ricercatori. 
   

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Per sfruttare al meglio i benefici del pomodoro è bene alternare i vari tipi di piatti e i tipi di cottura: consumare l’ortaggio crudo, ma anche la salsa di pomodoro cotta.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti