Sashimi di pollo: una bomba batteriologica

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/12/2017 Aggiornato il 28/12/2017

Attenzione al sashimi di pollo: è più pericoloso di quello di tonno. La carne, che si mangia cruda, è una concentrazione di Salmonella, Escherichia Coli e Campylobacter

Sashimi di pollo: una bomba batteriologica

Dopo il sashimi di tonno e lo yakitori è arrivata dal Giappone la moda del sashimi di pollo, un piatto a base di carne cruda di pollo che, come dichiara il dottor Luciano Oscar Atzori, biologo esperto di sicurezza alimentare, è molto pericolosa perché possiede una carica batterica altissima. Già il sashimi di tonno era considerato un alimento pericoloso, tanto che prima di consumarlo deve essere abbattuto al fine di renderlo quasi del tutto innocuo, ma il sashimi di pollo è ancora più pericoloso.

Un mix di batteri

Nel sashimi di pollo sono presenti Salmonella, Escherichia Coli e Campylobacter, tutti batteri pericolosissimi, in quanto provocano gastroenteriti, dolori addominali, diarrea, vomito, febbre e, negli immunodepressi, anziani e bambini, possono sviluppare anche patologie ancora più gravi. La campylobatteriosi, per esempio, in casi estremi può portare a una meningite e al decesso. L’unico modo per abbattere questo rischio è cuocere il pollo a 75° C per almeno 3 minuti.

Governi in preallerta

In Gran Bretagna è intervenuta perfino la Food Standard Agency per “mettere in guardia” i consumatori sui rischi del consumo del sashimi di pollo. Anche in Giappone, il ministero della Salute ha pubblicato un comunicato per spingere i ristoratori a cuocere il pollo a 75° C prima di servirlo, anziché limitarsi a bollirlo solo per un decina di secondi (tempo insufficiente per distruggere la carica batterica) come accade adesso.

Colpa (anche) degli allevamenti intensivi

Il biologo Atzori ritiene che il problema dipenda soprattutto dagli allevamenti aviari intensivi che prevedono, secondo una direttiva UE del 2007, un’alta densità di polli per metro quadro. Si parla di 15-16 polli (dal peso medio di 2 kg ciascuno) per metro quadro, fino ad arrivare, in caso di deroga, anche a 20-22 polli per metro quadro. Il sovraffollamento provoca stress all’animale, tale da far produrre un neurotrasmettitore, la noradrenalina, che facilita la migrazione del Campylobacter dall’intestino ad altri organi e alle carni. Proprio per questo motivo il pollo, se allevato in modo intensivo, è portatore di Campylobacter.

 

 
 
 

Da sapere!

Negli allevamenti intensivi aviari si applica anche la tecnica dello “sfoltimento” che prevede il prelievo di un terzo o un quarto dal totale dei polli presenti nel capannone per macellarli in anticipo rispetto agli altri (circa 7 giorni prima). I rimanenti, così, possono aumentare di peso, perché hanno più spazio, con il vantaggio di massimizzare la produttività nel rispetto della normativa europea. Tutto ciò, naturalmente, a discapito dell’animale che subisce un altissimo stress che inciderebbe anche sulla qualità e sicurezza delle carni destinate all’alimentazione umana.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti