Selenio, il minerale amico delle mamme

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/11/2015 Aggiornato il 12/11/2015

Il selenio è un grande alleato contro molte malattie. Inoltre, favorisce la fertilità e la salute delle mamme in gravidanza. Ecco come farne scorta

Selenio, il minerale amico delle mamme

I benefici del selenio, un disintossicante naturale, sono molteplici: contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo, al mantenimento della normale funzione del sistema immunitario, preserva l’organismo dalle malattie cardiovascolari e dai tumori, e stimola la produzione dell’ormone tiroideo. Inoltre, favorisce la fertilità sia femminile che maschile.

Benefici del selenio

“Il selenio – spiega il professor Pietro Migliaccio, Presidente della Società italiana di scienza dell’alimentazione (Sisa) – è importante per il metabolismo degli ormoni tiroidei, per la regolare attività del sistema immunitario e anche per i sistemi di difesa contro lo stress ossidativo. Ogni giorno si formano nelle cellule sostanze dannose, i radicali liberi, che sono in grado di alterare la struttura delle membrane cellulari e del materiale genetico, aprendo la strada a processi di invecchiamento precoce e a tutta una serie di reazioni che sono all’origine di molte forme tumorali. Affinché i radicali liberi vengano inattivati e resi innocui – aggiunge Migliaccio – è necessario che l’organismo si difenda quotidianamente con sistemi e composti antiossidanti. Tra gli oligoelementi con spiccata attività antiossidante si distinguono appunto il selenio e anche lo zinco.”

concepimento e gravidanza

Il selenio gioca un ruolo molto importante nella fertilità delle donne. Uno studio australiano conferma l’importanza di una dieta varia e bilanciata per le future mamme, sia nella fase del concepimento sia in gravidanza. Questo per evitare rischi di importanti complicanze durante lo sviluppo intrauterino o il parto. In particolare, i ricercatori australiani suggeriscono di assumere selenio per un sano sviluppo dei follicoli ovarici e quindi per favorire la fertilità.

Quanto ne serve

Mangiare una porzione di cereali o di carne dovrebbe assicurare selenio sufficiente per la maggioranza delle persone. Per gli adulti è consigliata  una quantità giornaliera di circa 55 mcg al giorno. Le donne in gravidanza, invece, dovranno aumentare il dosaggio a 60 mcg, mentre durante l’allattamento la quantità di selenio da assumere dovrà essere di 70 mcg.

Alimenti più ricchi di selenio

Il minerale si trova in particolare nei cibi ricchi di proteine, come i frutti di mare, il pesce, la carne e le noci. È contenuto anche nei cereali integrali e nei legumi, ma in quantità inferiori. “Il tonno in scatola rappresenta una delle più importanti fonti di selenio per l’alimentazione degli italiani – fa sapere il professor Migliaccio -. Mediamente il tonno in scatola contiene una quantità di selenio pari a 35 mcg per 100 grammi di alimento, mentre la carne, pur essendo una buona fonte di selenio, ne apporta una quantità inferiore (11-17 mcg per 100 grammi ). Pertanto – conclude Migliaccio – quando si consuma come secondo piatto una porzione di tonno sott’olio o al naturale, di circa 100 grammi, si copre sino al 90% del fabbisogno giornaliero di selenio.”

 

 

 

 
 
 

da sapere!

ATTENZIONE AGLI ECCESSI

 Il selenio deve essere assunto in giuste dosi perché l’eccesso può provocare gravi disturbi alla salute: sintomi di tipo neurologico, come stato confusionale e letargia, e diabete di tipo 2.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti