Sicurezza alimentare: baby food, olio e vino italiani sono pesticidi-free

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/05/2018 Aggiornato il 31/05/2018

Nessuna contaminazione da pesticidi e fitosanitari per i baby food, l’olio d’oliva e il vino italiani. E il ministero della Salute rassicura: in Italia la sicurezza alimentare è maggiore rispetto al resto d’Europa

Sicurezza alimentare: baby food, olio e vino italiani sono pesticidi-free

La sicurezza alimentare in Italia è salva. Nessuna contaminazione da pesticidi per baby food, olio e vino, mentre frutta, ortaggi e cereali risultano irregolari in meno dell’1% dei campioni di alimenti analizzati dal ministero della Salute. La ricerca di residui di prodotti di fitosanitari e pesticidi è stata effettuata su 11.263 alimenti per verificarne l’eventuale contaminazione. Di questi, soltanto 92 sono risultati superiori ai limiti massimi consentiti dalla normativa vigente, con una percentuale di irregolarità pari all’0.8%.

Più irregolarità negli alimenti importati

Alla lente d’ingrandimento dei sanitari, i prodotti d’importazione hanno avuto, invece, un esito meno positivo. Sui 1.360 campioni analizzati, 44 sono risultati irregolari, pari al 3,2%, ma comunque in diminuzione rispetto all’anno precedente (5.7%).

Il made in Italy è sicuro

Secondo il ministero della Salute, i risultati complessivi italiani sono una garanzia per la sicurezza alimentare, in quanto indicano un livello di protezione del consumatore adeguato con irregolarità (0.8%) al di sotto della media europea (1,6%). Gli alimenti che hanno presentato maggiori non conformità sono stati:  pesche, mele e arance, pomodori, peperoni dolci e fagioli con baccello. Tra i cereali, il riso è l’alimento riscontrato non conforme a livello nazionale. Altri prodotti non conformi sono stati i derivati del latte, i funghi coltivati e il ginger.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La sicurezza alimentare è particolarmente attenta ai baby food che devono adempiere alla direttiva CE n. 125 del 2006 sugli alimenti a base di cereali e gli altri alimenti destinati ai lattanti e ai bambini. Questa normativa stabilisce i limiti massimi di contaminanti ammessi nelle materie prime utilizzate.

 

 

 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti