SmartPlate, il piatto diventa super tecnologico

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/06/2015 Aggiornato il 24/06/2015

In arrivo il piatto del futuro che conterà le calorie e riconoscerà le caratteristiche nutritive delle pietanze in esso contenuto. Apprezzamenti sicuri da chi è perennemente a dieta

SmartPlate, il piatto diventa super tecnologico

Presto a controllare quanto stiamo mangiando “sano” sarà un piatto computerizzato! È lo smartplate, un piatto tecnologico in grado di contare le calorie del cibo in esso contenuto e le sue proprietà nutritive. È stato ideato da una start up americana, che ora vuole cercare di realizzarlo su ampia scala per diffonderlo sul mercato internazionale.

Un grande aiuto per chi è a dieta

Dotato di tre fotocamere integrate e di una tecnologia modernissima di riconoscimento visuale, lo smartplate faciliterà chiunque vorrà sapere quante calorie contiene l’alimento scelto. Ma l’innovazione sta nel fatto che non si dovranno inserire i dati relativi agli alimenti, come già si fa con alcune applicazioni esistenti per smartphone, perché i sensori del piatto raccoglieranno automaticamente queste informazioni:

·      Gli ingredienti del piatto

·      Il peso

·      Il conteggio delle calorie assunte.

 Quando in commercio?

Il lancio è previsto per il 2016 in attesa che l’azienda ideatrice raggiunga la somma necessaria per lo sviluppo del progetto, circa 100mila dollari.

Vantaggi futuri

Il progetto è molto interessante perché consentirebbe di rivoluzionare la gestione delle diete dimagranti e relative conteggio calorico. Attualmente l’esperimento è ancora in fase progettuale, ma si spera che nel prossimo futuro venga realizzato. È possibile che possa essere abbinato anche ad altri gadget simili. Per esempio, qualche anno fa al CES di Las Vegas, era stata realizzata la HAPIfork, un dispositivo in grado di tracciare ciò che si ingerisce. Viene utilizzata in ambito medico in alcuni ospedali per monitorare l’alimentazione dei pazienti.

 

 

 
 
 

da sapere!

 Il piatto del futuro non potrà essere lavato in lavastoviglie né introdotto nel microonde per riscaldare del cibo. Per questo sarà dotato di un apposito strumento che permetterà di cuocere e riscaldare i cibi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Ureaplasma urealyticum : che fare quando si scopre l’infezione?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ureaplasma urealyticum una volta scoperto deve necessriamente essere curato con l'antibiotico. La terapia deve essere affrontata da entrambi i partner, anche s euno dei due non ha sintomi, per evitare l'effetto "ping pong", ossia di continuare a contagiarsi a vicenda.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti