Soia: l’anticolesterolo naturale

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 22/08/2019 Aggiornato il 22/08/2019

Soffri di colesterolo alto? Porta in tavola la soia. Questo legume originario della Cina potrebbe aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue

Soia: l’anticolesterolo naturale

Secondo un recente studio di revisione di 47 trial clinici condotto da alcuni ricercatori dell’Università di Toronto, le proteine della soia potrebbero ridurre il colesterolo nel sangue. I risultati dell’importante meta analisi sono stati pubblicati sul Journal of the American Heart Association, proprio mentre la Food and Drug Administration statunitense sta decidendo se attribuire a questa sostabza e suoi derivati il “titolo” di “prodotti salutari e cardioprotettivi”.

Riduce il colesterolo totale e quello cattivo

Tutti gli studi esaminati nella vasta meta analisi hanno dimostrato che il consumo di proteine della soia è associato a un abbassamento del colesterolo totale e di quello cattivo (colesterolo Ldl).

Il suo effetto è potenziato con la frutta secca e le fibre

Lo studio ha messo anche in risalto che questa proteina aumenta la sua capacità di ridurre il colesterolo quando è consumata con altri alimenti di origine vegetale già conosciuti per lo stesso effetto benefico come la frutta secca e i semi oleosi (girasole, sesamo) ricchi di steroli vegetali. La riduzione del colesterolo e dei conseguenti fattori di rischio cardiovascolare passa dal 5%, quando è consumata da sola, al 30%, se associata a questi cibi vegetali e alle fibre.

Cosa se ne ricava

Per le sue molteplici proprietà nutrizionali, nel corso degli anni l’uomo ha ricavato diversi prodotti :

1.     il latte;

2.     il tofu (formaggio);

3.     il tempeh (carne);

4.     il miso (condimento molto proteico);

5.     la farina;

6.     la lecitina di soia (un emulsionante molto utilizzato nell’industria alimentare);

7.     il tamari e il shoyu (salse);

8.     l’olio.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

100 g di soia secca contengono 407 kcal (Fonte: Tabelle di composizione degli alimenti del Crea).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti