Sorpresa: la frutta secca aiuta anche a dimagrire

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/03/2014 Aggiornato il 05/03/2014

Finalmente anche la frutta secca si prende la sua rivincita: non solo non farebbe ingrassare, ma anzi aiuterebbe a dimagrire

Sorpresa: la frutta secca aiuta anche a dimagrire

Numerose ricerche scientifiche affermano che la frutta secca è una fonte preziosissima di principi nutritivi essenziali, utili per il buon funzionamento dell’organismo. Ci aiuta, infatti, nella prevenzione di molte malattie, come quelle cardiovascolari, l’ipercolesterolemia e anche il diabete. In più, secondo uno degli ultimi studi diretto da Loma Linda dell’Università della California e pubblicato sulla rivista Plos One, mangiare tutti i giorni un pugno di noci, nocciole, mandorle o altra frutta secca aiuterebbe anche a mantenere la linea o “addirittura” a dimagrire.

Una ricerca controcorrente

Il risultato di questa ricerca andrebbe controcorrente a un pregiudizio comune: nonostante l’elevato contenuto di grassi presenti nella frutta secca, per questo tanto temuta nelle diete light, mangiata quotidianamente a piccole dosi aiuterebbe comunque a dimagrire.

Testata su 800 persone

I partecipanti sono stati suddivisi in gruppi in base alla quantità di frutta secca consumata quotidianamente.  Dalla ricerca sono emersi tre interessanti risultati.

– Il gruppo che consumava più frutta secca aveva una probabilità inferiore del 37-46 % di essere obeso rispetto a coloro che ne mangiavano meno.

– I consumatori assidui di frutta secca avevano un rischio inferiore di soffrire di sindrome metabolica, una patologia che è l’anticamera del diabete e che è associata a rischio cardiovascolare.

– La frutta secca aiuterebbe a dimagrire grazie al suo alto contenuto di grassi insaturi, peraltro benefici per la salute, e di proteine che aumentano il senso di sazietà e quindi inducono a mangiare meno. 

 

In breve

QUANTA MANGIARNE?

La porzione giornaliera raccomandata è di 30 grammi* che corrisponde a:
26 nocciole o 5 noci o 20 anacardi o 23 mandorle o 25 pistacchi o 120 pinoli.
*Porzione definita dall’Usda-United States departement of Agricolture

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti