Troppa carne rossa: a rischio il cuore!

Silvia Camarda
A cura di Silvia Camarda
Pubblicato il 06/02/2019 Aggiornato il 06/02/2019

Sul consumo di carne rossa è bene seguire l’espressione latina: “in medio stat virtus”! Troppa farebbe male perché mette in circolo la Tmao, una sostanza pericolosa per il cuore

Troppa carne rossa: a rischio il cuore!

Un consumo eccessivo di carne rossa farebbe male alla salute. E questa non è una novità! Un recente studio di ricercatori americani, però, ne avrebbe dimostrato il motivo. La spiegazione starebbe tutta nell’aumento di concentrazione nel sangue e nelle urine di Tmao, una sostanza pericolosa per il cuore, che deriva dalla “digestione” di colina, lecitina e carnitina, tre nutrienti di cui è ricca la carne rossa. Alte dosi di Tmao sono direttamente connesse al rischio di episodi cardiovascolari come infarto e ictus.

Tre diete diverse

L’esperimento, pubblicato sull’autorevole rivista scientifica European Heart Journal, è stato condotto su un campione di 113 volontari della Cleveland Clinic. Gli individui selezionati dovevano seguire a rotazione per un mese tre tipi di diete:

·      una ricca di carne rossa (per una dose equivalente al 25% del fabbisogno calorico giornaliero);

·      una ricca di carne bianca;

·      una povera di proteine animali.

Le tre diete sono state intervallate da periodi alimentari di disintossicazione.

La Tmao si accumula

Al termine dell’esperimento, è emerso che i livelli di Tmao nel sangue e nelle urine aumentavano anche di 13 volte quando gli individui seguivano la dieta ricca di carne rossa. Inoltre, con il consumo quotidiano di carne rossa diminuiva la capacità dei reni di espellere Tmao. Positivo è stato verificare, almeno, che il processo era reversibile e che eliminando la carne rossa dalla dieta, riferiscono i ricercatori, anche la Tmao si riduceva.

Attenzione all’alimentazione

Con questo studio si è provato ancora una volta che la salute dipende strettamente da quanto e cosa si mangi e che il rischio cardiovascolare può essere ridotto anche solo agendo sulla dieta.

 
 
 

Da sapere

VALORI MASSIMI CONSIGLIATI

Le linee guida per una sana alimentazione dell’INRAN raccomandano un consumo massimo di 500 g di carne alla settimana, tra bianca e rossa, in porzioni comprese tra i 70 e 100 g, a seconda se si è bambini o adulti, e una frequenza di consumo di 3-4 volte alla settimana. Si sta pensando, però, di abbassare questo limite.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti