Troppa vitamina A indebolisce le ossa: attenzione agli eccessi

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 13/12/2018 Aggiornato il 13/12/2018

È una sostanza fondamentale per l’organismo. Ma solo se non si esagera. Quando si consuma troppa vitamina A ci si può esporre al rischio di fratture. Ecco perché

Troppa vitamina A indebolisce le ossa: attenzione agli eccessi

Le vitamine sono sostanze fondamentali per il nostro organismo. Ma solo fino a un certo punto: se si superano determinati livelli, da alleate possono trasformarsi in nemiche. Perlomeno alcune di esse, come la troppa vitamina A. La conferma arriva da uno studio condotto recentemente in laboratorio da un’équipe di ricercatori svedesi, dell’Accademia Sahlgrenska dell’Università di Göteborg, pubblicato sula rivista medica Journal of Endocrinology.

Una sostanza preziosa

La vitamina A è una sostanza molto importante per la salute di grandi e bambini. Innanzitutto, perché protegge la vista: infatti, è uno degli elementi che garantisce la funzionalità delle cellule nervose della retina  sensibili alla luce (fotorecettori). Inoltre, partecipa allo sviluppo delle ossa e al loro rafforzamento nel tempo e alla crescita dei denti. Inoltre protegge dalle infezioni e rafforza il sistema immunitario.

Dove si trova

La vitamina A è  contenuta soprattutto negli alimenti di origine animale, come fegato, latte e suoi derivati (burro e formaggio), uova; in frutta e verdura di colore rosso, giallo e arancione (albicocche, carote, anguria, frutti di bosco), invece, si trovano i carotenoidi, precursori della vitamina A.

Il fabbisogno raccomandato

Negli adulti, il fabbisogno giornaliero di vitamina A è di circa 0,6-0,7 milligrammi. Se si supera di molto questa soglia possono comparire effetti indesiderati, come perdita di capelli, labbra screpolate, pelle secca, ossa fragili, cefalea e aumento della pressione intracranica. Studi condotti in passato avevano già dimostrato che troppa vitamina A, equivalente a 13-142 volte la dose giornaliera raccomandata, può determinare nel brevissimo periodo, ossia già dopo una-due settimane, una diminuzione dello spessore osseo e un aumento del rischio di fratture. Ora questo nuovo studio aiuta a fare ulteriore chiarezza.

Che cosa succede quando si esagera

Gli autori hanno trattato per dieci settimane un gruppo di topi con dosi di vitamina A equivalenti a 4,5-13 volte il fabbisogno giornaliero raccomandato. Durante e al termine dell’esperimento li hanno sottoposti ad alcune indagini. Hanno così scoperto che nell’arco di soli otto giorni, le loro ossa si erano assottigliate. Questo processo è poi progredito nei giorni successivi. È vero che si tratta di dati preliminari, che andranno confermati nell’uomo, ma è anche vero che non è la prima volta che troppa vitamina A finisce sotto accusa. E purtroppo non si tratta di un’eventualità così rara: a causa dell’abitudine sempre più diffusa di consumare integratori alimentari, infatti, molte persone possono assumere più sostanza di quanta realmente necessaria.

 

 

Da sapere!

Anche alla luce dei risultati di questo studio, prima di ricorrere a integratori di vitamina A, sarebbe bene rivolgersi al medico per chiedere un consiglio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti