Un bicchiere di vino rosso di sera equivale a un’ora in palestra?

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 07/10/2019 Aggiornato il 07/10/2019

Tornare in forma con il vino si può! Basterebbe berne un bicchiere prima di andare a dormire. Lo sostiene un gruppo di ricercatori canadesi. C’è da crederci?

Un bicchiere di vino rosso di sera equivale a un’ora in palestra?

Un bicchiere di vino rosso di sera prima di andare a dormire corrisponderebbe a un’ora di palestra! È quanto sostiene un gruppo di ricercatori dell’Università di Alberta.

Merito del resveratrolo

 Il resveratrolo, un composto che si trova nel vino rosso, agirebbe per impedire alle cellule di grasso di guadagnare più densità. La notizia sarebbe stata confermata anche alcuni scienziati della Washington State University e di Harvard che hanno scoperto che uno o due bicchieri di vino bevuti di sera prima di coricarsi potrebbero aiutare a prevenire un aumento di peso del 70%.

A cena meglio il rosso

L’effetto “dimagrante” è più evidente con il vino rosso proprio perché contiene il resveratrolo; se, poi, è bevuto a cena evita gli spuntini notturni, una delle cause più frequenti di aumento di peso. Gli stessi risultati, infatti, non sono stati registrati se il vino è bevuto a pranzo.

Sempre attività fisica e sana alimentazione

 I ricercatori, tuttavia, concludono che, nonostante il soddisfacente risultato raggiunto, il resveratrolo può aiutare a mantenersi in forma, ma non può sostituirsi a una sana alimentazione e una regolare attività fisica.

 

Da sapere!

Il resveratrolo possiede un’azione antiossidante, ancora più efficace della vitamina E, che aiuterebbe a proteggere i vasi sanguigni dai danni causati dai radicali liberi. Si trova:

  • nelle bucce degli acini e nel vino rosso,
  • nei lamponi,
  • nelle more,
  • nei mirtilli,
  • nelle arachidi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti